Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

CocaColla vs Coca-Cola, l'epilogo porno di un blog
Nel 2012 l'azienda tolse dominio a cinque catanesi

Creato nel 2010, trattava di arte e design. A idearlo, cinque ragazzi di Catania. Dopo il rapido successo, la multinazionale ritenne che confondeva i consumatori, ottenendo la cessione del sito. A causa del mancato rinnovo, ospita contenuti a luci rosse. «Adesso è veramente andato a puttane», commenta uno dei fondatori

Marco Di Mauro

Adesso, che riconduce a un finto blog a sfondo erotico, forse non c'è problema. Di certo c'è che quando trattava di design e street art, il sito web cocacolla.it aveva dato talmente fastidio alla Coca-Cola Company da spingerla a chiedere, attraverso i suoi avvocati, la cessione del dominio e il ritiro della richiesta di registrazione del marchio Coca Colla. Il nome era stato ideato da cinque ragazzi catanesi che, in poco tempo, avevano calamitato sul loro sito web milioni di utenti. Inutile la campagna di sostegno condotta dietro l'hashtag #supportcocacolla. A marzo 2012 la multinazionale americana ha ottenuto quanto richiesto, salvo poi - di recente - non rinnovare la proprietà del dominio sul quale ora è parcheggiato un portale dai contenuti piccanti.

«Come accade per tanti domini scaduti - spiega a MeridioNews Emanuele Fontana, ex collaboratore del blog - il suo posto è stato preso da un placeholder». Nella homepage, infatti, non si trova più un vero e proprio sito web, ma una schermata con alcuni articoli e link. Nel caso di cocacolla.it sono in lingua spagnola, accompagnati da foto ammiccanti e raccontano di festini erotici tra i quali pure uno in cui viene citata la Coca-Cola Company. Nulla di sconvolgente per il web. È invece strano «il fatto che la multinazionale americana si sia fatta rubare il dominio al quale, in passato, teneva così tanto da avere mobilitato i suoi avvocati», conclude Fontana.

Prima di lasciare lo spazio web, lo staff di Coca Colla aveva ideato un altro marchio e registrato un nuovo dominio, in cui aveva riversato e continuato ad aggiornare i propri contenuti: collater.al. A occuparsene ancora oggi, insieme ad altri reduci dalla passata esperienza, è Alessandro Timpanaro: «Abbiamo appreso la novità con ironia. Quel che fa ridere è la profezia». Il riferimento è al premio, al quale cocacolla.it è stato candidato dopo che il dominio era passato in mano alla multinazionale: Miglior blog andato a puttane, secondo la giuria del Blog Fest. «Quella volta non abbiamo vinto, oggi sì», commenta riferendosi agli attuali contenuti del portale.

Il blog era stato messo on line nel 2010 da alcuni giovani catanesi. Nel primo anno di vita raggiunse 1,5 milioni di visitatori, provenienti da oltre 200 paesi. A febbraio 2011, però, arrivò una lettera. «Proveniva dall'ufficio legale della Coca-Cola Company - scrive Timpanaro -. Ci avevano mandato due lettere di diffida intimandoci di chiudere il blog e di cedere loro il nostro dominio, cocacolla.it. Tutto in meno di una settimana». Diffusa la notizia, il successo di Coca Colla era schizzato alle stelle: del caso avevano parlato, oltre al web, anche radio, televisioni, esperti pubblicitari, illustratori e musicisti.

I sostenitori del blog si erano uniti dietro l'hashtag #supportcocacolla che su Twitter rimaneva trend topic per tre giorni di fila. Ma erano state le ragioni della multinazionale, alla fine, ad avere la meglio. Come scritto nella lettera inviata allo staff, dove i legali della Coca-Cola Company spiegavano che «la registrazione e l’utilizzo del nome a dominio www.cocacolla.it determina l’insorgere di un grave rischio di confusione per i consumatori» oltre a costituire «contraffazione dei celebri marchi costituiti dalla dicitura Coca-Cola». Rischio dimenticato, forse. O ridimensionato, considerato che il dominio - per pochi dollari - non è stato rinnovato.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews