Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Discariche, dal Lazio studio sui legami col cancro
«Preoccupati per quelle tra Motta e Misterbianco»

Una ricerca portata avanti da un team del sistema sanitario regionale laziale indaga il legame tra vicinanza agli impianti di smaltimento dei rifiuti e l'insorgere di tumori o malattie respiratorie. Danilo Festa pensa alla discarica Oikos: «Quanti studi dovranno essere ancora condotti per farci capire che siamo in pericolo?»

Mattia S. Gangi

«Abbiamo trovato un collegamento positivo tra l'esposizione al solfuro di idrogeno, che si usa come surrogato per tutti gli inquinanti emessi dalle discariche, e la mortalità collegata al cancro ai polmoni». Inizia così la parte riservata all'esposizione dei risultati all'interno di uno studio del dipartimento di Epidemiologia del sistema sanitario regionale del Lazio, appena pubblicato sull’International journal of Epidemiology. Il saggio - firmato per prima da Francesca Mataloni - analizza la relazione tra la vicinanza alle emissioni delle discariche e il sorgere di alcune patologie dell'apparato respiratorio. Le stesse sulle quali si sta concentrando l'attenzione dei comitati di cittadini di Motta Sant'Anastasia e Misterbianco, che si oppongono alle discariche di Tiritì e Valanghe d'inverno.

Secondo i risultati, risiedere a cinque chilometri da un impianto aumenta il rischio di cancro ai polmoni, ma cresce anche il rischio di ricovero in ospedale per malattie respiratorie. Il gruppo di riferimento dell'analisi, durata dal 1996 al 2008, include 242.409 persone che abitano nel Lazio, in prossimità di alcune aree di concentrazione dei rifiuti. «Il collegamento - continua l'articolo scientifico - è accertato anche nel caso di malattie respiratorie e della conseguente ospedalizzazione, soprattutto nel caso dei bambini». Un risultato preoccupante, anche se, come specificano i ricercatori del team, «i risultati di una relazione causa-effetto sono ancora conflittuali». Nonostante l'incertezza nello stabilire un nesso diretto, collegare l'insorgere di patologie tumorali ai polmoni con l'esistenza di aree di sbancamento della spazzatura, secondo gli scienziati, è una «nuova scoperta».

La pubblicazione del testo ha preoccupato sin da subito Danilo Festa, presidente della commissione speciale Monitoraggio discarica del Comune di Motta Sant'Anastasia. «Si tratta di uno studio allarmante che alimenta i nostri dubbi e le nostre paure - dichiara Festa a MeridioNews - La nostra vita potrebbe essere in pericolo e per questo continueremo a batterci per far delocalizzare e bonificare l'impianto di discarica che, ricordo, si trova a circa un chilometro dai centri abitati».

A sollevare per prima dubbi su possibili conseguenze sanitarie collegate alla struttura era stata un'intervista al comitato No discarica, realizzata dalla trasmissione televisiva Le Iene. In quell'occasione l'attivista Massimo La Piana, lo stesso Danilo Festa e il professore Aurelio Angelini parlavano di uno «sversamento di percolato fotografato da un aereo della guardia di finanza» nei torrenti limitrofi alla discarica di Valanghe d'Inverno. Facevano inoltre riferimento all'avvelenamento di alcune pecore, morte - secondo Angelini - «dopo essersi abbeverate nei corsi d'acqua vicino alla discarica». E per questo erano stati denunciati dalla Oikos.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.