Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Treni del gol, entro l'estate decisione giudice
Rischio processo per il patron Nino Pulvirenti

Sono state rigettate le eccezioni della difesa del proprietario del Catania, che chiedeva alla togata di non procedere per dei vizi procedurali riguardanti le intercettazioni telefoniche. Fissato il calendario delle prossime udienze «per evitare che si vada troppo per lunghe». Da gennaio sono stati diversi i rinvii per mancate notifiche

Marco Di Mauro

Per Antonino Pulvirenti e Gianluca Impellizzeri il processo Treni del gol, va avanti. E da adesso lo farà a tappe serrate. La giudice per l'udienza preliminare Francesca Cercone ha deciso di non accogliere le eccezioni mosse dalle difese dei due imputati chiave, che sostenevano che per dei vizi procedurali non fossero processabili. Durante l'ultima udienza è stato inoltre stabilito che entro la fine dell'estate arriverà la decisione sull'eventuale rinvio a giudizio.

La richiesta del difensore del patron del Calcio Catania Giovanni Grasso era stata motivata, durante la scorsa udienza, sostenendo la non utilizzabilità delle intercettazioni telefoniche prodotte dal pubblico ministero Alessandro Sorrentino. Ma la giudice ha deciso che la questione non può essere discussa nella fase preliminare, che è iniziato all'inizio 2016. 

«Per evitare che si vada troppo per le lunghe» la giudice ha fissato le date delle prossime sei udienze, che saranno concentrate nei mesi di giugno e luglio. L'obiettivo, spiega Cercone agli avvocati presenti in aula è «arrivare a una definizione della fase preliminare entro l'estate». Intanto negli scorsi mesi a susseguirsi sono stati i rinvii: per due volte le mancate notifiche agli imputati avevano fatto slittare gli appuntamenti in aula. L'inchiesta ha messo sotto le lente d'ingrandimento degli inquirenti il campionato di serie B 2014-2015. Stagione nella quale Pulvirenti avrebbe tentato di comprare cinque partite.

Anche durante l'ultima udienza erano assenti tutti gli imputati: Antonino Pulvirenti; l'ex amministratore delegato Pablo Cosentino, l'ex direttore sportivo Daniele Delli Carri, e infine Fernando Arbotti, Fabrizio Milozzi e Piero Di Luzio. Dalla parte dell'accusa, guidata dal pubblico ministero Sorrentino, sono state ammesse come parti civili oltre ad abbonati di pay-tv e stadio, anche Figc, Lega Serie B, Confconsumatori, Codacons, Codici Sicilia e pure l'agenzia di scommesse Planet365.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×