Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Pietro Lo Monaco torna al comando del Catania
«Serie A in quattro anni ma non escludo vendita»

Il direttore generale e amministratore delegato, congedato dal patron Antonino Pulvienti nel 2012, tornerà presto al suo vecchio incarico. Nella conferenza stampa svolta oggi ha rilanciato il progetto chiedendo però l'impegno economico di Finaria per il risanamento dei bilanci e i nuovi investimenti

Marco Di Mauro

Foto di: Marco Di Mauro

Foto di: Marco Di Mauro

«Serie A in quattro anni, al massimo cinque». Anche se la prossima stagione inizierà con un meno uno in classifica. Pietro Lo Monaco torna al comando del Calcio Catania e promette subito di ricostruire quello che nelle ultime tre annate è stato distrutto da scelte sbagliate e scandali sportivi. È pace fatta col patron Antonino Pulvirenti che, dopo averlo congedato nel 2012, lo ha richiamato. «Per rilanciare il progetto», spiega il dirigente nella sua conferenza di presentazione alla stampa durata più di due ore. Ma il piano di riscatto non chiude all'ipotesi di una vendita e impone «il risanamento dei bilanci e investimenti da parte di Finaria». Andato via Lo Monanco, dall'ottavo posto nel massimo campionato italiano - ottenuto con Sergio Gasparin al timone di comando -, il Catania è finito col festeggiare per avere evitato solo all'ultima giornata, poche settimana fa, la retrocessione nei dilettanti. Tra i colpevoli di quello che definisce «uno tsunami», Lo Monaco indica il patron Pulvirenti e l'ex amministratore delegato Pablo Cosentino, che definisce «il tatuato in canottiera», ma cita pure se stesso. 

«Ho sbagliato a dimettermi perché sapevo che sarebbe successo tutto questo», dice ai giornalisti. Ma non si perde d'animo e rilancia: «È da pazzi dirlo adesso ma sono convinto che il nostro obiettivo non possa che essere il ritorno in A». Il consiglio d'amministrazione del club lo ha nominato oggi nuovo consigliere. Alla prossima riunione, come impone la burocrazia, riprenderà le cariche lasciate quattro anni fa ma che già virtualmente esercita: amministratore delegato e direttore generale. Come ai tempi in cui prese il Catania in serie B e lo portò a ottenere sei salvezze di fila in A. Non entrerà tra gli azionisti e, prima di accettare l'incarico ha rinunciato a pretendere la buonuscita da 6,6 milioni di euro che aveva notificato al club poco dopo il suo addio: «Non abbiamo neanche gli occhi per piangere. Quella richiesta non esiste già più». Restano tuttavia gli altri debiti che rendono la situazione patrimoniale del Catania «al limite. Il rilancio sarà possibile solo con l'intervento della proprietà». È a Finaria che Lo Monaco si riferisce, e al suo socio di maggioranza: Pulvirenti. «Ha avuto quattro anni di oblio. Adesso è rinsavito, dimostrando, con questo suo passo indietro, tanto amore per il Catania e la volontà di non arrendersi a vederlo morire». 

Alle belle parole e alle lodevoli intenzioni però, dovranno necessariamente seguire i fatti concreti: «Un progetto di ritorno in serie A parte con l'appianamento dei debiti e un piano di investimenti per raggiungere il traguardo». Tradotto: servono soldi, che la proprietà dovrà mettere nelle mani di Lo Monaco per allestire la squadra, riformare i quadri tecnici e dirigenziali. Anzitutto. La strada è tutta in salita, specie «in un campionato che non garantisce entrate e che è difficile da vincere», continua Lo Monaco. E lo sarà ancora di più, ma molto meno rispetto a quello appena terminato, a causa del punto di penalizzazione con cui la squadra inizierà la stagione «a causa di alcuni problemi nel pagamento degli stipendi dei calciatori». La prossima settimana intanto, il futuro nuovo amministratore delegato ha intenzione di presentare la campagna abbonamenti, i primi nomi dei nuovi dirigenti e non è escluso anche il nuovo allenatore del Catania: «avrà un contratto pluriennale e dovrà credere nel progetto». 

Lo Monaco prende il posto di Giuseppe Bonanno, che dimessosi da amministratore delegato è fuoriuscito dal Cda. Per lui potrebbe non esserci più posto nel Calcio Catania. Sulla riappacificazione con Pulvirenti, dopo anni trascorsi a battibeccare a distanza - a mezzo stampa e attraverso gli avvocati - dice: «Ci siamo rincontrati dopo tanto tempo il 28 maggio. L'anniversario di quando il Catania è tornato in serie A. Questo mi ha messo i brividi. Rivedendolo, in un attimo è sparita la voglia che avrei avuto di ammazzarlo per quello che ha combinato». Un altro momento intenso Lo Monaco l'ha vissuto al suo ritorno a Torre del Grifo: «Questo centro sportivo l'ho pensato io, lo conosco palmo a palmo. Quando ci sono rientrato, mi sono commosso».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews