Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Riprendiamoci quei chiostri

Gli studenti delle Facoltà di Lettere e Lingue stanno per riappropriarsi di un pezzo importante del Monastero. Ma riaprire i chiostri non significa lasciarli lentamente devastare e neanche pensare che del loro rispetto debbano occuparsi i vigilantes. Significa trattarli come cosa propria. E dunque anche lanciare idee e proposte su come valorizzarli- Girando per la facoltà come un turista di Salvo Scibilia

Noemi Coppola

C'era una volta lo slogan "riprendiamoci la città". Appartiene alla stagione delle occupazioni di case sfitte e vuote, delle "pratiche riappropriative diffuse" (le case si occupano, gli affitti non si pagano), a Berlino come a Torino o a Librino. Un passato remoto. Riappropriarsi degli spazi, dei luoghi, oggi ha un significato profondamente diverso. Vuol dire farli propri, sentirsene parte e sentire il luogo parte di te. Luoghi del passato da riconquistare in quanto vissuti e per il cui mantenimento lottare, spazi nuovi da fare nostri. Solo in questo senso la lotta per riprendersi la città continua.

Questo va ricordato oggi, nel momento in cui agli studenti delle facoltà di Lettere e di Lingue si prospetta la possibilità di rimettere il naso nei due magnifici chiostri dell'ex Monastero, chiusi al pubblico nel luglio del 2006 e poi sottoposti a lavori che sono stati ultimati nel gennaio del 2008. E per fortuna ci verranno riconsegnati in condizione ben diversa dalla rappresentazione che ne diede De Roberto nei Vicerè, allorché “le generazioni di soldati e di studenti succedutesi dal Sessantasei avevano devastato i chiostri, rotto i sedili, infrante le balaustrate; i muri erano pieni di figure e di motti osceni, e i calamai lanciati come fionde pel corruccio delle bocciature o per la gioia delle promozioni avevano stampato da per tutto larghe chiazze d'inchiostro”.

Aspettiamo dunque con ansia la riapertura di due luoghi simbolo per gli studenti del Monastero. Con le raccomandazioni di rito, questo è ovvio. Ma con la consapevolezza che l'unica vera salvaguardia è il pieno riuso; e che tocca ai presidi delle due facoltà garantire le condizioni migliori: dall'arredo, all'illuminazione, ai cestini per le cartacce, alle ciotole per raccogliervi le cicche.

C'è una condizione supplementare. Cogliere questa occasione per rivolgersi alla città, rilanciando il doppio problema della gestione delle aree di parcheggio nell'O.K. Corral di piazza Dante e quello del fronte di nord-ovest del Monastero, dove occorre riparare lo scempio delle fatiscenti superfetazioni dell'Ospedale Vittorio Emanuele, consumato sulla “splendida” Flora Nicolina. A distanza di più di trenta anni dalla consegna del complesso monastico di San Nicolò all'Ateneo, torna a porsi in questa area la questione irrisolta del rapporto con le aree più popolari e vitali della città, un problema su cui un'amministrazione comunale perennemente latitante va tirata vigorosamente per le orecchie.

Ma c'è un'ultima cosa da dire. La vigilanza per il rispetto dei chiostri non può essere affidata unicamente ai vigilantes. Essa riguarda tutti noi. Varie volte rappresentanti studenteschi o gruppi di studenti delle due facoltà hanno immaginato progetti per la valorizzazione turistica del Monastero. Esistono le competenze, la creatività, l'entusiasmo affinché studenti e neolaureati di Lettere e Lingue diventino protagonisti dell'accoglienza ed artefici di progetti di valorizzazione del monumento. Il nostro giornale è aperto alla pubblicazione delle tante proposte. Che la riapertura dei chiostri sia anche un'occasione per raccogliere le idee e per farsi ascoltare.

La foto a sinistra è di Lorenzo Fisichella.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews