Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Acireale, dopo Whirlpool onomastico in piazza
Cittadino protocolla richiesta: «È vantaggioso»

Dopo la concessione del Comune alla multinazionale, Salvo Di Stefano aveva annunciato il proposito di organizzare la festa nel centro Acireale con la formula del «ognuno porta qualcosa». Stamattina è andato negli uffici dell'amministrazione per ufficializzare la richiesta: «Mi hanno chiesto se facevo sul serio», racconta

Simone Olivelli

«Chiedo alla signoria vostra illustrissima di voler concedere il suolo della piazza Duomo per festeggiare l'onomastico». Sarà pure una provocazione, ma adesso ha il numero di protocollo. Dopo averlo annunciato su Facebook ieri sera, l'acese Salvo Di Stefano è andato negli uffici del Comune per ufficializzare la propria richiesta di poter organizzare una festa la sera del 6 agosto, giorno del proprio onomastico. Serata a cui tutti gli abitanti di Acireale sono invitati a partecipare, con la formula per cui «ognuno porta qualcosa».

L'idea è nata dopo la decisione dell'amministrazione guidata dal sindaco Roberto Barbagallo di concedere la piazza barocca del centro alla multinazionale Whirlpool per una cena aziendale. Il tutto a una cifra inferiore a 800 euro, ovvero semplicemente pagando il suolo pubblico. «A quel prezzo mi conviene, pagherei meno che in una sala ricevimenti o in una villa privata», commenta Di Stefano a MeridioNews. E descrive lo stupore degli impiegati che poche ore fa hanno ricevuto la richiesta, strana solo in apparenza. «All'inizio non ci hanno fatto caso, poi accorgendosi dell'oggetto mi hanno detto che allora facevo sul serio», continua.

Quando gli si chiede se si tratta di una protesta grottesca contro la scelta della giunta Barbagallo, che ha giustificato la concessione con il ritorno d'immagine che la città potrà trarne sul medio-lungo termine, l'uomo sottolinea che il problema «non sta nell'affittare un bene pubblico al privato, ma nel modo come le cose vengono fatte ad Acireale». Per Di Stefano, infatti, tali azioni di marketing non dovrebbero prescindere da un impegno nei confronti del decoro urbano e sulle azioni quotidiane che nella città dei cento campanili da tempo sembrano latitare. «Finché non ci saranno servizi adeguati e la città sarà sporca, con un centro morente, non avrà molto senso parlare di turismo», spiega. E dà un consiglio per la prossima volta in cui il Comune si dovesse ritrovare ad accogliere turisti. «Facciamo trovare dei cartelloni con scritto Work in progress, almeno così diamo l'impressione che lo stato in cui versano le cose è frutto di lavori in corso», conclude Di Stefano. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×