Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Mascali, sequestrato depuratore per sversamenti
Sette indagati, la Regione sapeva ma prorogava

L'impianto nella frazione di Sant'Anna avrebbe rilasciato in mare scarifichi fognari non depurati attraverso alcuni bypass abusivi. Nel mirino degli inquirenti tre funzionari della Regione Sicilia e altre quattro persone tra cui alcuni tecnici del consorzio composto da cinque Comuni del litorale ionico

Dario De Luca

Foto di: Dario De Luca

Foto di: Dario De Luca

Più di un decennio di irregolarità, omissioni e sversamenti di liquami fognari non depurati. Sono i tratti salienti della storia del depuratore nella frazione Sant'Anna di Mascali, finito sotto sequestro dopo un'indagine iniziata nel marzo 2015. A occuparsene la procura di Catania con la collaborazione della Capitaneria di porto etnea e dell'ufficio circondariale marittimo di Riposto. Sotto la lente d'ingrandimento è finita la gestione da parte del Consorzio di gestione dell'impianto che raggruppa i Comuni del litorale ionico di Giarre, Riposto, Mascali, Fiumefreddo di Sicilia e Sant'Alfio. Gli enti, secondo gli investigatori, hanno conferito nell'impianto una quantità di scarichi fognari che avrebbe superato i limiti previsti. «Irregolarità sistematiche», le ha definite l'ammiraglio della Guardia costiera Nunzio Martello, che negli anni si sono susseguite nel silenzio della Regione siciliana, che avrebbe avuto da tempo la documentazione e i dati necessari per imporre lo stop.

Gli uffici dell'assessorato Territorio e Ambiente si sarebbero attivati soltanto dopo le prime richieste di accesso agli atti da parte dei magistrati etnei. «Prima sono state concesse continue proroghe - spiega la magistrata Raffaella Vinciguerra - ecco perché sono indagati tre funzionari regionali». Con loro anche altre quattro persone, tra tecnici e dirigenti, indiziati a vario titolo di abuso d'ufficio, danni e inquinamento ambientale e deturpamento di bellezze naturali. Sui nomi al momento c'è il massimo riserbo, ma nell'elenco non ci sarebbe l'avvocato Giovanni Spada, l'attuale presidente del Consorzio che gestisce il depuratore: «Il suo insediamento è stato recente», conclude Vinciguerra.

Valori abnormi delle sostanze inquinanti sversate in mare

Sul dispositivo, che serve per eliminare impurità e sostanze inquinanti, sarebbero stati attivati con regolarità dei bypass. Ossia dei meccanismi di pompaggio utilizzati per prelevare i liquidi. Di questi soltanto due sarebbero stati regolarmente autorizzati mentre erano otto quelli irregolari. Attraverso questa procedura si provvedeva allo scarico senza l'attivazione del ciclo depurativo. I liquidi finivano prima nel torrente Macchia, che poi sfocia nel litorale di Sant'Anna nel territorio del Comune di Mascali. I problemi per l'impianto tuttavia non sono recenti. A testimoniarlo le numerose segnalazioni di residenti e turisti che spesso, durante le stagioni estive, hanno lamentato disturbi gastrointestinali. Lo scorso anno a Fondachello dopo Ferragosto si era registrata una vera e propria epidemia, con decine di bagnanti affetti da dissenteria, febbre e altri disturbi da infezione. Una situazione che però era stata minimizzata da alcuni sindaci della fascia ionica.

Per gli investigatori le analisi dell'Arpa di Catania non lascerebbero tuttavia spazio a dubbi. «Evidenziano valori abnormi delle sostanze inquinanti sversate in mare - spiega il procuratore reggente Michelangelo Patanè -, spesso superano per decine e anche centinaia di volte i limiti previsti dalla legge». L'impianto di Mascali è completo a metà. A mancare è il cosiddetto terzo modulo che prevederebbe alcuni allacci alla rete fognaria e la realizzazione di condotte sotterranee. Dopo il sequestro, disposto dal giudice per le indagini preliminari del tribunale etneo, l'impianto continuerà a svolgere le sue funzioni ma con il vincolo di rispettare alcune prescrizioni imposte dagli inquirenti. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×