Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Consiglio, Maurizio Mirenda lascia Grande Catania
Il partito: «Voleva finanziamenti per i suoi patronati» 

Eletto nel gruppo con 1296 voti, a metà mandato cambia casacca. Per il momento il consigliere Maurizio Mirenda confluisce al gruppo Misto ma non è escluso che la sua migrazione politica non finisca qua. Duro il commento del movimento dal quale fuoriesce: «I suoi nuovi padroni di casa tengano mano al portafogli»

Cassandra Di Giacomo

Foto di: Maurizio Mirenda

Foto di: Maurizio Mirenda

«Da stasera non faccio più parte di Grande Catania ma aderisco al gruppo Misto». L'annuncio arriva dal consigliere comunale Maurizio Mirenda in occasione dell'ultima seduta del senato cittadino. La comunicazione è condita «da un grande rammarico soprattutto nei confronti del mio presidente Lombardo (Raffaele, ndr) e dei colleghi consiglieri che stimo molto ma non condivido più la linea politica del partito», precisa. I componenti dell'Aula si guardano negli occhi cercando di capire quali siano i motivi che stanno alla base della decisione di Mirenda, che appare ai più inaspettata

«Una scelta non improvvisa che è frutto di un'attenta valutazione», commenta Mirenda. «Lascio la coalizione ma resto fermo nella mia collocazione politica e il mio rappresenta un avvicinamento sempre più attento a quei valori politici e umani in cui ho sempre creduto. Ringrazio i miei vecchi colleghi per aver appoggiato le battaglie intraprese per il bene della città», prosegue in una nota ufficiale. «La politica dell'attuale sindaco non risponde affatto a quel requisito», conclude. Tra i componenti di Palazzo degli elefanti si iniziano a susseguire voci di corridoio sul futuro politico del collega. 

Qualcuno già parla di un suo presunto avvicinamento al gruppo di Catania futura. Partito, quest'ultimo, che si rifà a livello regionale al deputato dell'Ars Nicola D'Agostino e che conta tra i suoi ispiratori Nico Torrisi, vicepresidente nazionale di Federalaberghi ed ex assessore della giunta del governatore Rosario Crocetta. Ma fonti vicine a Catania futura smentiscono l'arrivo di Mirenda. Dura nel frattempo la replica del coordinamento di Grande Catania, il cui capogruppo a Palazzo degli elefanti Giuseppe Castiglione si definisce «sorpreso, considerato che non il collega Mirenda non mi aveva avvertito», afferma. 

Dopo la confusione, però, arriva il momento della durezza. E il commento ufficiale del coordinamento politico del partito, arrivato via sms qualche ora dopo, non lascia spazi: «Prendiamo atto con sollievo della fuoriuscita del consigliere Mirenda». «Non poteva essere assecondata la sua pretesa di finanziare i suoi patronati. Ai suoi nuovi padroni di casa raccomandiamo: mano al portafogli», conclude la segreteria politica. Una nota pesante, che il gruppo consiliare Grande Catania non vuole commentare né condividere. «I miei colleghi in consiglio conoscono il mio percorso politico e dichiarazioni simili mi sembrano molto strane, a meno di non derivare da pressioni di qualche tipo - risponde Mirenda - Valuterò se agire per le vie legali». E continua: «Fino a oggi i miei patronati sono stati finanziati personalmente, se hanno i documenti diano prova del contrario, cosa che io farò. Peraltro, io non li chiamerei neanche patronati. Sono centri sociali di riferimento nei quartieri, a disposizione dei cittadini. Ho chiesto spesso una presenza nelle periferie, al di là della campagna elettorale - conclude Maurizio Mirenda - È chiaro che la politica è una spesa e non dev'essere sulle spalle di una sola persona». 

Il politico, eletto in quota autonomista nel 2013, alle ultime elezioni amministrative ha raccolto 1296 preferenze, risultando il secondo più votato di Grande Catania. Il suo nome - accanto a quello di altri sette colleghi - qualche mese fa è finito nella relazione della commissione regionale Antimafia presieduta da Nello Musumeci per le presunte infiltrazioni di Cosa nostra nel Consiglio catanese. Mirenda, secondo la testimonianza dell'investigatore della squadra mobile Alessandro Drago, qualche settimana prima dell'apertura delle urne, avrebbe incontrato l'ex consigliere della prima municipalità - eletto in quota MpaErnesto Privitera (indagato nel processo per voto di scambio a carico di Raffaele e Toti Lombardo) a casa di Nino Balsamo. Pregiudicato, quest'ultimo, detto Cicaledda e all'epoca dei fatti agli arresti domiciliari per riciclaggio, furto aggravato e associazione a delinquere. «Non ho nessun motivo di andare a cercare dei voti sbagliati», aveva replicato in quei giorni Mirenda.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×