Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Linguaglossa, mostra curata da Sgarbi e D'Amico
Guttuso-Incorpora-Messina aperta fino a ottobre

Il sottotitolo dell'esposizione è Inedite visioni ai piedi dell'Etna ed è stata allestita al museo Francesco Messina di piazza Annunziata. Visitabile gratuitamente, secondo il critico d'arte Antonio D'Amico «sarebbe protagonista nelle vetrine più prestigiose, non solo a livello nazionale»

Francesco Vasta

Foto di: Francesco Vasta

Foto di: Francesco Vasta

Tre esistenze «consacrate» all'arte che, pur mai incrociandosi, condividono uno spirito comune. Un legame reso finalmente tangibile da una mostra inaugurata pochi giorni fa che, fino al prossimo 31 ottobre, farà del centro montano di Linguaglossa una «piccola capitale d'arte del Novecento», parola di Vittorio Sgarbi. Si tratta dell'esposizione Guttuso-Incorpora-Messina. Inedite visioni ai piedi dell'Etna, allestita al museo Francesco Messina di piazza Annunziata e curata proprio da Sgarbi assieme al critico d'arte Antonio D'Amico

«Questa è una mostra che sarebbe protagonista nelle vetrine più prestigiose a livello nazionale e non solo - spiega lo stesso D'Amico -, è ancora più straordinario che venga ospitata in un piccolo paese, con un grande ritorno d'immagine per il territorio». È Linguaglossa il luogo prescelto perché lì ha trascorso la sua vita Salvatore Incorpora, poliedrico artista nato nel 1920 in Calabria e scomparso nel 2010. Un percorso, il suo, al centro di una costante riscoperta che adesso consente di accostarne la figura a quella di maestri del calibro di Francesco Messina - lo scultore del Cavallo morente all'ingresso della sede Rai di viale Mazzini a Roma, nativo della cittadina etnea - e di Renato Guttuso, anch'egli siciliano d'elezione. 

C'è una sintonia, un immaginario che i tre artisti condividono e che si concretizza nell'accostamento tra undici dipinti di Incorpora, ventidue tele di Guttuso e da un nucleo di sette sculture firmate Messina, tutti lavori appartenenti a collezioni private e in larga parte mai presentati al grande pubblico. La quarantina di opere è distribuita sui due piani del museo - che già ospita un'esposizione permanente di Incorpora -, dividendosi tra un filone di opere dedicate alla Sicilia e un altro incentrato su nudi, nature morte, paesaggi e grandi dipinti sempre di stampo neorealista. «La relazione tra i tre artisti va oltre la semplice affinità - spiega ancora D'Amico - e questo nonostante essi non abbiamo mai lavorato assieme o condiviso parte delle loro esistenze». 

Pezzi forti dell'esposizione, visitabile gratuitamente, sono le tele guttusiane Incendio alla Cancelleria Apostolica e Stampa clandestina, ma anche la Venere del Brenta di Messina, «raffinata» scultura a misura d'uomo e il Ritratto di Salvatore Quasimodo dedicata dallo scultore all'amico poeta. Dietro l'iniziativa, accanto al contributo di Regione Siciliana e Comune di Linguaglossa, c'è soprattutto l'impegno dell'associazione Salvatore Incorpora con la regia dei tre figli dell'artista, Gemma, Giovanni ed Egidio. Impegno che punta tutto sull'opportunità di «rendere sempre più un patrimonio condiviso da un'intera comunità il lascito artistico e culturale di Incorpora».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×