Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Andrea Nizza, il giovane latitante di Cosa nostra
Summit, armi, Gomorra e monopolio della droga

Appartiene a una stirpe di cinque fratelli, le forze dell'ordine lo cercano dalla fine del 2014 e negli ultimi mesi ha accumulato condanne per diversi reati. Dovrebbe scontare più di 50 anni di carcere ma non è reperibile. Il ritratto è quello dell'ultimo monopolista degli stupefacenti in città

Dario De Luca

Foto di: Uccio D'Agostino

Foto di: Uccio D'Agostino

Sulle sue spalle ha il peso di una stirpe di trafficanti di droga e di affari a sei zeri da gestire tra le strade di Librino, San Cristoforo e San Giovanni Galermo. Andrea Nizza, 30 anni, latitante da due, è considerato l'ultimo capomafia di spessore rimasto in libertà a Catania. Sulle sue tracce da dicembre 2014, mese in cui è stato condannato a sei anni e otto mesi di carcere nel processo Fiori bianchi, ci sono i carabinieri. Negli ultimi mesi l'emergente ha collezionato altre pene per tentata estorsione, usura, lesionitraffico di droga omicidio. Un pedigree che - stando alle sentenze, ancora non definitive - ammonta già a più di 50 anni di detenzione da scontare. Le ricerche però non sono semplici, perché il boss godrebbe di una fitta rete di fedelissimi che gli garantirebbero l'irreperibilità dalle forze dell'ordine. 

Nel suo passato c'è un cognome che dentro Cosa nostra conta, ma anche alcuni tratti che lo distinguono dai fratelli più grandi Daniele e Fabrizio. Tra questi c'è l'ostentazione del potere, che per certi versi fa rima con alcune immagini della serie tv Gomorra. Messaggi chiari da mandare ad abitanti e soldati dei clan rivali. Andrea Nizza spesso si sarebbe mosso per Librino armato, con tanto di giubbotto antiproiettile, con attorno una truppa composta da decine di motorini. Dimostrazioni di forza per ritagliarsi il ruolo di successore dei suoi parenti più noti. Daniele e Fabrizio entrano dentro Cosa nostra nel 2008 con il rito della punciuta celebrato in un appartamento di San Giovanni Galermo. Una cerimonia mafiosa arcaica che viene officiata dagli allora vertici della famiglia Santapaola: Santo La Causa, Enzo Aiello, Benedetto Cocimano, Orazio Magrì e Ignazio Barbagallo. Ai due trafficanti vengono affidati le due più grandi piazze di spaccio della città: San Cristoforo e Librino. Dalla loro c'è un'esperienza decennale con la droga, importata già negli anni '90 dall'Albania e dalla Calabria. Andrea, negli anni, secondo gli inquirenti, sarebbe diventato il dominus della cocaina a Catania.

In prima fila ad accusarlo c'è proprio il fratello Fabrizioche ha deciso di collaborare ormai da diversi mesi con i magistrati. A quest'ultimo si è aggiunto Davide Seminara, uno dei suoi uomini più fidati. I due non si sono risparmiati e hanno puntato più volte il dito contro Andrea e non solo. Nelle maglie della giustizia, con l'operazione Carthago, è finito anche Giuseppe Privitera, fedelissimo dei Nizza nella zona di viale Moncada 10. Negli ultimi anni, il più giovane dei Nizza avrebbe scalato tutte le gerarchie tanto da tenere alcuni summit di mafia proprio a Librino. L'argomento di uno di questi, nel 2014 in viale Moncada, è stato il mercato ortofrutticolo etneo. «Disse che il suo gruppo, in accordo con i Cappello e in particolare con Massimo detto u carrozziere, voleva mettere sotto estorsione tutto il mercato e voleva che partecipassero anche i Mazzei», spiega ai magistrati Seminara.

Una pax mafiosa tra clan che si è instaurata anche per lo spaccio di droga. I Nizza, secondo quanto emerso nell'ultima inchiesta, avrebbero consentito ai gruppi avversi di spacciare in alcune zone in cambio dell'appalto sul rifornimento di stupefacenti. Tra coloro che avrebbero siglato gli accordi ci sarebbero anche gli Arena, altra storica famiglia della mafia etnea. Massimiliano, insieme al fratello Maurizio, avrebbe avuto campo libero in viale San Teodoro; i Marino avrebbero controllato viale Librino e i fratelli Dario e Giovanni Caruana viale Grimaldi. Nonostante gli arresti, il presunto vuoto di gestione dello spaccio sarebbe stato già colmato da nuovi pusher e vedette, senza aprire spazi agli interessi di altri clan.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×