Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Lungomare, divelto cordolo della pista ciclabile  
Il Comune presenta una denuncia contro ignoti

Il vicesindaco Marco Consoli pensa che il gesto possa essere una sorta di ritorsione contro le azioni della polizia municipale che, in questi giorni, è presente nella zona per contrastare il fenomeno dei parcheggiatori abusivi

Redazione

Alcune parti del cordolo bianco e rosso che separa la pista ciclabile dalla carreggiata è stato rimosso oggi pomeriggio. Un danno ripetuto per due volte all'interno della stessa giornata che ha richiesto, in entrambi i casi, l'intervento degli operai della Manutenzione strade. Dopo una prima segnalazione, intorno alle 15.30, da parte della polizia municipale, una squadra ha subito rimesso a posto gli elementi, che erano stati divelti, fissandoli nuovamente all'asfalto con dei tasselli a espansione. Solo un'ora gli stessi pezzi sono stati nuovamente spostati, mettendo in pericolo l'incolumità dei ciclisti. 

L'azione ha insospettito il vicesindaco Marco Consoli che parla chiaramente di una probabile ritorsione da parte dei parcheggiatori abusivi, più volte multati dai vigili urbani. «Non possiamo escludere - scrive Consoli in una nota - che il gesto rappresenti una reazione alle operazioni condotte negli ultimi giorni dalla polizia municipale per combattere il fenomeno degli abusivi della zona del Lungomare. Se così fosse non ci faremo certo intimorire ma andremo avanti sulla strada della legalità». Per questo motivo il Comune di Catania sporgerà denuncia contro ignoti.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×