Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Rischio terremoti, edifici della polizia in pericolo
«Agenti e soccorsi bloccati in caso di calamità»

La denuncia arriva dal sindacato di polizia Siap che, tramite il suo segretario provinciale Tommaso Vendemmia, elenca tutte le strutture che oggi sono sprovviste di adeguamenti antisismici. Un problema reso ancor più serio proprio dall'aiuto che gli agenti dovrebbero dare alla popolazione durante e dopo gli avvenimenti tellurici

Mattia S. Gangi

Il sisma che ha colpito e ferito la cittadina di Amatrice porta a galla tutte le carenze che affliggono gli edifici pubblici italiani. Anche quelli che ospitano le istituzioni che, prima di tutte le altre, sono deputate alla salvaguardia dell'incolumità pubblica come le questure, le caserme e i commissariati di polizia. A Catania, città tra le più esposte al rischio tellurico, la situazione in cui versano queste strutture è allarmante

La denuncia non arriva dall'esterno ma dal sindacato di polizia Siap che, tramite il suo segretario provinciale Tommaso Vendemmia, restituisce una fotografia decisamente scoraggiante. «Le sedi dei 18 edifici che compongono l’insieme del patrimonio immobiliare in dotazione alla polizia di Stato sono insicure per gli stessi operatori - spiega Vendemmia - In caso di calamità gli agenti non solo non potranno raggiungere le aree colpite ma rischiano di vedersi crollare addosso il palazzo che li ospita». 

Secondo il sindacalista, inoltre, sarebbero molte le questure che non sono dotate di uscite di sicurezza come, per esempio, l'edificio della squadra mobile, del reparto mobile, del reparto prevenzione e della squadra volanti. «Si tratta degli uffici operativi dai quali parte il soccorso pubblico in caso di disastro - continua Vendemmia -  e sono quelli attualmente in condizioni peggiori». 

A questo problema si aggiunge, secondo il Siap, anche la collocazione geografica delle strutture, estremamente variegata e, per questo, poco idonea alla gestione coordinata dell'emergenza. «In caso di terremoto il personale deve raggiungere i centri di smistamento e di raccolta - spiega il sindacalista a MeridioNews - ed essendo questi disseminati in tutta la città diventa difficile un'azione congiunta. Il reparto volanti, il reparto prevenzione crimine e il reparto mobile, che hanno mezzi specifici per il soccorso (tende da campo, mezzi pesanti, ruspa), dovrebbero essere messi vicini per poter operare al meglio».

Non solo vicini tra loro, ma anche con le altre forze dell'ordine che forniscono il primo soccorso come, tra tutti, i vigili del fuoco. Per questo il segretario del Siap aveva proposto di utilizzare la caserma Sommaruga come edificio unico dei reparti d'emergenza. «L’idea, lanciata dal Siap nel 2010 e percorsa dal sindaco Bianco, non trova però ancora una soluzione operativa - specifica amareggiato Vendemmia -. Nulla da fare anche per la cittadella della sicurezza a Librino, mentre si opta oggi per soluzioni distanti dalla città quale l’Interporto, che - conclude il segretario - appare sempre più illogica allo stesso modo della continua frammentazione degli uffici».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×