Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Treni del gol, rinviati a giudizio Pulvirenti e Cosentino
Secondo l'accusa avrebbero falsato campionato di B

Il 22 novembre l'ex presidente e attuale patron del Calcio Catania si dovrà presentare in tribunale da imputato. Il processo vedrà presenti anche alcuni ex vertici della società come l'ex direttore sportivo Daniele Delli Carri e l'ex agente di calciatori e amministratore delegato Pablo Cosentino

Dario De Luca

Rinviati a giudizio per truffa, atti fraudolenti e frode in competizione sportiva. Sono le accuse dalle quali, a vario titolo, dovranno difendersi il proprietario, ed ex presidente del Calcio Catania Nino Pulvirenti, l'ex amministratore delegato della società etnea Pablo Cosentino, Fernando Arbotti, Piero Di Luzio, Giovanni Impellizzeri, l'ex direttore sportivo Gianluca Delli Carri e Fabrizio Milozzi. A deciderlo, al termine delle udienze preliminari, è stata la gup Francesca Cercone. I sette imputati dovranno presentarsi in tribunale il prossimo 22 novembre per un processo che si preannuncia lungo e decisamente complesso. 

Secondo l'accusa, in aula sostenuta dal pubblico ministero Alessandro SorrentinoPulvirenti avrebbe cercato di aggiustare cinque partite sulle 42 del campionato di serie B. La stagione finita sotto la lente d'ingrandimento della procura di Catania - all'epoca delle indagini guidata dal procuratore Giovanni Salvi - è quella 2014/2015. Un campionato difficile che avrebbe avuto l'ex presidente dei rossazzurri in prima linea per cercare la salvezza della sua squadra. Un vero e proprio sistema che avrebbe coinvolto procuratori, dirigenti ma anche diversi calciatori compiacenti. «Se non ci pensavamo noi per queste cinque partite... eravamo retrocessi veramente». A parlare senza sapere di essere intercettato è Gianluca Impellizzeri, ex calciatore ma soprattutto proprietario di diversi centri scommesse. Per gli investigatori il re leone, questo il suo sopranome, è stato uno degli uomini chiave per il giro di scommesse parallelo che sarebbe stato creato insieme al progetto di salvezza del Catania. 

Sono dei deficienti, troppo scarsi. Se non ci pensavamo noi per queste cinque partite eravamo retrocessi veramente

Nel fascicolo del processo entreranno con ogni probabilità centinaia di intercettazioni. Telefonate registrate nelle quali è possibile distinguere tutti i passaggi del presunto giro di combine: «Sono dei deficienti, troppo scarsi. Se non ci pensavamo noi per queste cinque partite eravamo retrocessi veramente», continua Impellizzeri al telefono. Le partite incriminate sono: Varese-Catania (del 2 aprile, terminata 3 a 0), Catania-Trapani (dell'11 aprile e finita 4 a 1), Latina-Catania(del 19 aprile e finita 1 a 2), Catania-Ternana (del 24 aprile con il risultato di 2 a 0) e Catania-Livorno (del 2 maggio pareggiata per 1 a 1). Sotto indagine anche Catania-Avellino del 29 marzo finita 1 a 0.

L'inchiesta è stata ribattezza I treni del gol, dal linguaggio criptico che gli allora indagati utilizzavano al telefono. I treni erano i giocatori da avvicinare o avvicinati mentre gli orari di arrivo coincidevano con le maglie che gli sportivi indossavano durante le partite. Pulvirenti e soci rischiano fino a un massimo di nove anni di condanna mentre ha già concluso il suo iter il filone della giustizia sportiva. Il Catania nel 2015 è finito in Lega pro, serie dove milita attualmente, Pulvirenti è stato deferito e sottoposto al Daspo con la società multata con una maxi sanzione da 150mila euro. Tra le parti civili del processo ci sarà Confcosumatori: «Tutti i tifosi che vorranno costituirsi parte civile nel processo avranno tempo fino al 22 novembre - spiega l'associazione in una nota stampa -. Da subito metteremo a disposizione i nostri sportelli per garantire a tutti i tifosi di poterlo fare in tempo».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews