Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Black Tie, madre di un boss gestiva giro usura
«Una zarina verso cui c'era tanta venerazione»

Concetta Salici avrebbe prestato somme di denaro a impiegati, casalinghe e operai. Somme non esose ma con tassi d'interesse del 30 per cento. Poche le vittime che hanno ammesso tutto davanti ai magistrati. «Negare non aiuta il nostro lavoro», spiega il procuratore Carmelo Zuccaro. Guarda foto e video

Dario De Luca

Una donna dai metodi spiccioli che si faceva venerare quasi come una zarina. È il ritratto che tracciano gli investigatori quando parlano di Concetta Salici, arrestata la notte scorsa perché accusata di gestire un giro di prestiti a usura. La donna, 62 anni, avrebbe agito insieme al fratello Giovanni e al figlio Gaetano Bellia. Quest'ultimo arrestato nel novembre scorso durante l'operazione Revenge 5 contro il clan mafioso dei Cappello-Bonaccorsi. Proprio dalla cosca sarebbero arrivati i soldi da destinare ai prestiti. Il tramite sarebbe stato Gaetano Lo Giudice, padre del più noto Sebastiano, reggente per anni ma ormai in carcere condannato a diversi ergastoli. «Avevano affidato notevoli somme di denaro da investire», spiega il dirigente della Squadra mobile Antonio Salvago. Tra gli indagati è finita anche Emanuela Valentina Aquilino - convivente di Bellia - che è stata ristretta agli arresti domiciliari.

Non solo carnefici ma anche vittime. Gli inquirenti, coordinati dalla procura di Catania guidata da Carmelo Zuccaro, hanno identificato nove persone rimaste coinvolte nel giro d'usura gestito da Salici. «Operai, impiegati e casalinghe. Gente che aveva difficoltà ad arrivare alla fine del mese e si faceva dare piccole somme», spiega il magistrato Fabio Regolo. Non tutti però hanno denunciato, finendo così iscritti nel registro degli indagati con l'accusa di favoreggiamento. «Soltanto tre persone hanno raccontato i fatti in maniera veritiera - precisa con toni sconsolati il procuratore Zuccaro - È un dato che registro con disappunto e spero che queste persone riescano a trovare la forza di ammettere quello che hanno subito. Negare l'evidenza dei fatti non aiuta». In una città dove, secondo la procura, tanta gente decide di rivolgersi agli usurai. Dal canto suo Concetta Salici non voleva sentire ragioni: quando non si rispettavano le scadenze invitava il fratello Giovanni a darsi una mossa: «Ieri quello mi ha fatto fare tre viaggi e soldi non me ne ha dati lo stesso», si lamentava al telefono con il parente, che prontamente replicava: «Ora alle undici ci andiamo, adesso chiudi». La zarina era pronta a tutto, anche a recarsi personalmente dalle vittime: «Ho tutte cose scritte, i soldi mi devi mandare».

Manuela Aquilino

Gaetano Bellia

Concetta Salici

Giovanni Salici

Sulle somme che venivano concesse dagli strozzini sarebbe stati applicati interessi del 30 per cento. Quando non si potevano tornare in contanti c'erano modalità alternative come assegni preziosi. Le indagini, iniziate ufficialmente nel 2015 al termine dell'operazione antimafia Revenge 5, muovono i primi passi addirittura nel 2013. Quando le forze dell'ordine trovano a casa di Concetta Salice numerosi assegni post datati. La circostanza faceva emergere un presunto coinvolgimento in un giro di usura ma all'epoca non apparvero altri indizi significativi

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews