Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Aci Castello, consegnati lavori per collettore fogne
Il sindaco: «Restituiremo la Scogliera ai cittadini»

Ventisette mesi è il tempo stimato per ultimare i lavori rivolti alla realizzazione del collettore di salvaguardia fognaria nel Lungomare dei Ciclopi. Ad annunciarlo l'amministrazione comunale guidata dal primo cittadino Filippo Drago dopo «due anni costellati da ricorsi», dichiara

Antonino Sambataro

L'estate è appena volata via, solari e costumi sono già quasi tutti riposti negli armadi, eppure ad Aci Castello sembra di respirare un'aria nuova. Ma c'è da sperare e attendere ancora un po' prima di verificare se il mare sarà un po' più blu: ventisette mesi, più di due anni. Questo il tempo stimato per ultimare i lavori che, dopo anni di interminabili attese, ricorsi e sentenze, sono stati finalmente consegnati all'azienda Comer che si è aggiudicata l'appalto per la realizzazione del collettore di salvaguardia fognaria. Quello che dovrebbe cambiare il volto, e soprattutto l'odore, del litorale dei Ciclopi.

Una lunga storia giudiziaria iniziata nei primi anni 2000 con un progetto messo a punto dall'Ato - poi commissariata con decreto del Consiglio dei ministri - stracciato e rielaborato, quindi passato dalle scrivanie del Tar a quelle del Consiglio di giustizia amministrativa, fino al Consiglio di Stato che ha finalmente dato il via libera ai lavori. Si parte tra due settimane per provare a ripulire le acque interessate dai versamenti di una rete fognaria malfunzionante. Paradossi che in passato hanno portato anche le puntuali stangate dell'Unione europea.

«Sono stati due anni costellati da ricorsi. La ditta ci ha assicurato che interverrà con rapidità, partendo dalla Scogliera, in modo da restituirla ai cittadini già dalla prossima estate», dice il sindaco Filippo Drago. I costi stimati per la realizzazione del progetto superano i dodici milioni di euro (tre in meno rispetto al preventivo iniziale grazie al ribasso d'asta) e sono in gran parte finanziati dal ministero dell'Ambiente (sette milioni di euro) e dalla Regione (quattro milioni), mentre il Comune concorrerà mettendo sul piatto circa un milione di euro.

Basterà per eliminare gli scarichi ai piedi del Castello e rimuovere i divieti di balneazione in una zona marina protetta? «Non esageriamo - la replica del primo cittadino - Sarà installato un tubo che riceverà tutti gli scarichi allacciati alle condotte fognarie di Aci Trezza e Aci Castello già esistenti. La priorità è risolvere le emergenze di Padre Pio e Scardamiano, quelli che chiamo gli scarichi della vergogna. Bisogna avere fiducia: il nostro mare è inquinato solo in alcuni tratti e non è tutta colpa delle fogne. Lo dicono i dati dell'Arpa (Agenzia regionale per la protezione dell'ambiente) che quest'anno hanno rilevato un miglioramento delle acque».

Per le reti secondarie, quelle delle abitazioni, se ne riparlerà invece più avanti: «Il nostro Comune è stato inserito nel Piano messo a punto dall'amministrazione di Catania e su cui si sta già lavorando: riceveremo 15 milioni per l'ammodernamento di queste reti», aggiunge Drago. Resta scettica Legambiente: «Il fatto che vengano eliminati gli scarichi è certamente positivo, il problema è però capire quale sarà il punto in cui saranno convogliate queste acque - il monito del presidente della sezione catanese, Renato De Pietro - In passato si era ipotizzato di portare l'acqua al depuratore di Pantano d'Arci, il cui affluente finisce nell'Oasi del Simeto. Non dimentichiamo che quella che va da Punta Aguzza a Capo Mulini è un'area protetta: la questione è delicata, non vorrei che il problema fosse solo trasferito perché si ripercuoterebbe tutto sui cittadini». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews