Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

V. Emanuele, una nuova aggressione al pronto soccorso
Minacce a dottoressa: «Buttana, domani ti svegli morta»

Un secondo caso di violenza in pochi giorni si registra nei locali di via Plebiscito dove un paziente e la sua famiglia hanno assalito la specialista a causa dei lunghi tempi d'attesa nel trasporto per una radiografia. «Ma i ritardi non dipendono da noi, sono stati causati dalla rottura di un macchinario», spiega la vittima 

Mattia S. Gangi

Un nuovo episodio di violenza, ancora nei locali del Pronto soccorso dell'ospedale Vittorio Emanuele. Anche questa volta la vittima è una dottoressa, aggredita ieri sera intorno alle 22.30 da un paziente infuriato a causa dei ritardi per l'esecuzione di una radiografia. La rottura di un macchinario radiografico all'interno del reparto d'urgenza ha infatti allungato i tempi per i pazienti, che dal Pronto soccorso devono essere trasportati in barella in Radiologia. Creando spesso situazioni di tensione che il personale sanitario deve fronteggiare suo malgrado. 

«I pazienti erano esasperati dai ritardi dell'ambulanza - spiega a MeridioNews la professionista aggredita - uno in particolare sui trentanni era lì con un codice verde, ma c'erano altre venti persone prima di lui. Che stavano molto peggio visto che, nell'attesa, il ragazzo si è andato a prendere un panino e si è fumato una sigaretta». 

Nonostante la situazione non dipendesse dai medici e dagli infermieri, il trentenne avrebbe iniziato ad andare in escandescenza, pretendendo di essere trasportato prima degli altri. «In pochi minuti si è creato un caos - continua la dottoressa - abbiamo dovuto chiamare i tre vigilantes che sono subito arrivati e hanno dovuto difendermi fisicamente dalle pressioni del paziente e della sua famiglia. La moglie mi ha apertamente minacciato di morte - continua -  mi diceva "buttana, domani mattina ti ammazzo, ti svegli morta" e la sorella mi ha spinto più volte contro il muro». Osservando la situazione gli infermieri «terrorizzati» hanno chiamato la polizia per evitare il peggio ma i responsabili non sono stati denunciati alle autorità. 

Solo pochi giorni fa, nella stessa struttura sanitaria, la madre di una paziente si era scagliata contro un'altra dottoressa, di turno in orario notturno, pretendendo una modifica illegittima nel certificato che la professionista le aveva appena consegnato. In quel caso però, nonostante le urla e i rumori, la vigilanza non era intervenuta e si è dovuto attendere l'arrivo degli agenti di polizia per riportare la situazione alla normalità. 

In seguito agli avvenimenti la dottoressa Elisabetta Lombardo, del sindacato medico Anaao Assomed, aveva denunciato le condizioni di pericolo in cui si trovano i dipendenti del presidio di via Plebiscito: «Da noi vige la legge della violenza, gli utenti arrivano, pretendono e sono aggressivi con gli operatori, abbiamo bisogno di un poliziotto che sia fisso lì e non delle volanti che arrivano quando siamo belli stecchiti». Una soluzione, quella proposta dalla sindacalista, oggi inattuabile a causa della diminuzione del personale di polizia nei commissariati di quartiere - dai quali dipendono gli ospedali - e dall'affidamento dei servizi di sicurezza alle ditte private specializzate.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×