Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Lungomare, divelti i cordoli della pista ciclabile
Belfiore: «Rappresaglia dei posteggiatori abusivi»

I componenti del cordolo che separa la corsia riservata agli sportivi dal resto della carreggiata è stato nuovamente vittima dell'azione dei vandali. Come già quest'estate, la polizia municipale punta il dito contro i parcheggiatori che, in questi mesi, sarebbero stati multati dal Comune

Redazione

Foto di: Mario Pulvirenti

Foto di: Mario Pulvirenti

Continuano gli atti vandalici nei confronti della pista ciclabile del lungomare di Catania. Dopo gli episodi di quest'estate, il cordolo che separa la corsia riservata dalla carreggiata, nel tratto tra Ognina e lo Yatching club, è stato nuovamente divelto e spostato dalla sua sede originaria. I pesanti pezzi di colore bianco e rosso sono stati smontati e lasciati in modo disordinato in modo da ostruire il passaggio delle biciclette, rendendo pericolosa la circolazione anche per macchine e motocicli

Sul gesto, denunciato da un cittadino tramite un post sulla pagina Facebook dell'associazione Lungomare liberato, il comandante della polizia municipale Pietro Belfiore non ha dubbi: «Siamo quasi sicuri che si tratti di un gesto di rappresaglia dei posteggiatori abusivi nei confronti della politica sanzionatoria del Comune. Non potrebbe spiegarsi in altro modo». «Come già sapete non è il primo caso del genere - chiarisce Belfiore a MeridioNews - Stiamo visionando le immagini delle telecamere e abbiamo già aperto un'indagine per individuare gli autori». Che potrebbero essere, secondo Belfiore, «addetti ai lavori». «Quando abbiamo messo le ganasce nel 2007 toglievano anche quelle, poi abbiamo scoperto che erano meccanici o comunque persone che lavorano in quel settore».

I vandali, secondo il comandante, avrebbero agito nella notte di ieri e si sarebbero serviti di mezzi pesanti per spostare i componenti del cordolo. «Non è possibile operare a mani nude o con una semplice vettura - continua - ogni pezzo pesa circa 81 chili ed è saldato per terra con dei grossi bulloni». Il primo agosto scorso il Comune di Catania aveva presentato una denuncia contro ignoti e, per mezzo del vicesindaco Marco Consoli, aveva duramente condannato l'accaduto. 

«Non possiamo escludere - scriveva Consoli in una nota - che il gesto rappresenti una reazione alle operazioni condotte negli ultimi giorni dalla polizia municipale per combattere il fenomeno degli abusivi della zona del Lungomare. Se così fosse non ci faremo certo intimorire ma andremo avanti sulla strada della legalità»

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×