Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Etna, volontari organizzati per ripulire le discariche
Gruppo Rifiuti piroclastici: «Mappiamo la munnizza»

Dario Chiantello ha 34 anni, è di Belpasso e lavora come ingegnere elettronico a Manchester. Tornato in Sicilia per le vacanze, quest'estate, è andato sul vulcano per un'escursione. E si è dovuto confrontare con la spazzatura e l'inciviltà. Così ha chiamato gli amici e si è organizzato. Guarda le foto

Giorgia Lodato

Foto di: Giuseppe Di Stefano

Foto di: Giuseppe Di Stefano

«Dobbiamo riprenderci ciò che è nostro e dare il buon esempio a chi non capisce davvero cosa rappresentano l’Etna e la Sicilia, che non sono solo il posto dove viviamo con i nostri familiari, ma territori da rispettare e curare». È questa la filosofia alla base del gruppo Rifiuti piroclastici, che ripulisce di propria iniziativa l’area del vulcano per svegliare le coscienze non solo degli enti – invitati a rispondere alla pacifica provocazione dei volontari, Parco dell’Etna in primis, con cui si vorrebbe stabilire una sinergia - ma anche delle persone che non rispettano l’ambiente e gli spazi comuni.

L’iniziativa è partita dal 34enne Dario Chiantello, originario di Belpasso, che oggi lavora come ingegnere elettronico a Manchester e che come tanti suoi conterranei torna in Sicilia per le vacanze. E come tanti non può fare a meno di fare un salto sull’Etna, dove quest’estate ha trovato una situazione di degrado e sporcizia intollerabile. Ecco perché già ad agosto ha organizzato il primo appuntamento per ripulire la montagna da bottiglie di plastica e vetro, cocci, preservativi, ma anche sacchi che contengono il sale per far sciogliere la neve e batterie di automobili con tanto di piombo.

Alla chiamata hanno risposto prontamente Daniela Fusto e i ventenni Michael Zappalà, Salvo Musumeci e Giuseppe Di Stefano, che armati di guanti e sacchi neri – ne hanno riempiti circa una ventina nei primi due appuntamenti di agosto e ottobre – hanno creato il cuore pulsante di quella che a breve potrebbe diventare un’associazione con l’obiettivo di ripulire, passo dopo passo, l’area naturalistica del parco.

A cominciare da Piano Bottara, un’area di quattro chilometri facilmente presa di mira per picnic e gite fuori porta. «Si interviene in base all’emergenza – spiegano Michael, che studia Fisica e vive nel quartiere di Librino, e Salvo, studente di Ingegneria industriale e residente a Misterbianco come l’amico Giuseppe, che studia Scienze biologiche - e non c'è una cadenza stabilita per gli interventi». Colpa dei vari impegni lavorativi e universitari da conciliare, anche se si conta di incontrarsi più o meno una volta al mese. «Il prossimo sarà a dicembre e speriamo di coinvolgere un gruppo più ampio di persone che hanno voglia di aiutarci». Tutte le informazioni vengono date sulla pagina Facebook del gruppo, dove si trovano anche la mappa e i contatti dei volontari, che sperano di riuscire a stimolare le coscienze dei visitatori anche con cartelli autorizzati dai vari Comuni dell’Etna e che lamentano l’assenza di cassonetti e cestini per la spazzatura e di telecamere di sorveglianza.

Ad aggiungersi al gruppo anche il romano Federico Rapisarda e Giuseppe Distefano, quest'ultimo fondatore del gruppo escursionistico EtnaWalk, che hanno dato una mano insieme a una coppia di ragazzi che si trovavano sul posto con lo stesso proposito. A collaborare a ripulire anche alcune famiglie che, dopo il pic-nic, hanno collaborato nel ripulire tutto, ringraziando i ragazzi per la loro attività e il buon esempio. Ma non si è mai abbastanza e i volontari per allargare il giro cercano in tutti i modi di coinvolgere amici e colleghi, ma anche scout o altri gruppi di attivisti. 

«Le risposte positive sono poche – raccontano - molti mostrano incertezza, pensano che sia inutile tanto tutto torna come prima, ma questa è una percezione sbagliata di quello che facciamo perché la nostra attività serve a spronare gli enti e far capire alla gente che è importante prevenire». Qualcuno li conosce già e sui social segnala mini discariche con tanto di gps. «Non abbiamo la capacità di operare su zone così vaste, ci vorrebbe un miracolo per quelle». E a chi li considera degli eroi loro rispondo timidamente «siate anche voi eroi, vi aspettiamo al prossimo appuntamento con la natura». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×