Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

«Io non voto ma ricerco»: lunedì la giornata del precario

In concomitanza con l'elezione del rettore, il Cordinamento precari della ricerca organizza due incontri: uno di mattina, alla Cittadella, e un secondo il pomeriggio, al Medialab

Per i precari catanesi lunedì 27 aprile sarà una giornata speciale. Proprio nel giorno in cui l'Ateneo è impegnato nelle elezioni del rettore, il Coordinamento precari della ricerca dell'Università e degli enti di ricerca organizzerà infatti la “Giornata del ricercatore precario”. Una giornata che ha come slogan "Io non voto ma ricerco" e che sarà articolata in due momenti. La mattina alle 10.30, presso l'Edifico Polifunzionale della Facoltà di Ingegneria (Cittadella Universitaria) verrà presentato e distribuito il questionario “Indagine sul lavoro atipico nell'Università di Catania”. Un questionario, precisano gli organizzatori dell'iniziativa, che «servirà a “fotografare” le condizioni e le caratteristiche della “ricerca precaria” all'interno del nostro Ateneo».

Il secondo momento consiste una riflessione sulla funzione democratica dell'istruzione e della ricerca universitarie che parte dai problemi dei precari ma non si esaurisce in essi. Da qui l'iniziativa di una tavola rotonda su “Università e democrazia”, che si svolgerà a partire dalle 16.30 presso i locali del Medialab (Piazza Dante n. )13. Parteciperanno i docenti Maurizio Caserta (Economia), Vincenzo Cucinotta (Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali), Luciano Granozzi (Lingue e letterature straniere), Francesco Priolo (Scienze Matematiche, fisiche e naturali).

«Un'università migliore – scrivono gli organizzatori dell'iniziativa nel comunicato di presentazione dell'iniziativa – significa maggior benessere e una migliore qualità della vita democratica di questo Paese. I recenti provvedimenti legislativi, improntati soltanto all'indiscriminata riduzione del finanziamento pubblico all'università, determineranno nei prossimi anni pesanti conseguenze sulla complessiva qualità del sistema della ricerca e della formazione universitaria di questo Paese. Tali interventi legislativi non esprimono alcun disegno di rilancio e miglioramento dell'università italiana, tanto da far pensare che essi siano, piuttosto, una tappa di un processo di progressivo smantellamento dell'Università pubblica. Essi sono stati supportati da un violento, quanto ipocrita, attacco mediatico all'università pubblica, dipinta come un indistinto rifugio di “baroni” nepotisti e “fannulloni”».

Ciò non significa affatto, però, che si debba difendere in toto l'esistente: «Noi siamo consapevoli dei difetti e delle storture dell'attuale organizzazione del sistema universitario ma riteniamo che l'università pubblica sia un'istituzione democratica utile e preziosa. Siamo anche consapevoli del fatto che una parte importante dell'attività didattica e scientifica nelle nostre università è oggi possibile grazie all'impegno di tanti giovani studiosi che quotidianamente svolgono un lavoro di elevata qualità, con scarsi riconoscimenti e in condizioni di precarietà e incertezza del futuro. Questi giovani, già mortificati dalle condizioni di precarietà del loro lavoro, sono la categoria più colpita dai provvedimenti sull'università. Il taglio indiscriminato di risorse non premia il merito né sanziona il demerito, ma priva i giovani ricercatori e l'università tutta dell'opportunità di un futuro».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews