Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Adrano, arrestato maestro per atti sessuali con minore
A incastrarlo le foto con un ragazzo diversamente abile

Le immagini, in atteggiamenti intimi con la vittima, erano finite sugli smartphone di alcuni studenti. Così è nata l'indagine che questa mattina ha portato in manette S. N., insegnante di 66 anni del primo circolo didattico Sante Giuffrida. «Godeva di ottima reputazione», commenta la dirigente Loredana Lorena

Salvatore Caruso

I carabinieri si sono presentati al primo circolo didattico Sante Giuffrida di Adrano quando era appena suonata la campanella d'ingresso degli studenti. Dopo qualche minuto sono usciti con S. N., insegnante delle elementari di 66 anni, accusato di atti sessuali ai danni di un minore diversamente abile. La vicenda risalirebbe a due mesi fa, quando la vittima non aveva ancora compiuto 18 anni.

Numerosi e gravi elementi probatori a suo carico

A dare il via all'indagine dei militari di Santa Maria di Licodia sono state alcune fotografie che avrebbero immortalato l'uomo in atteggiamenti intimi con la vittima. Le immagini erano finite sugli smartphone di alcuni studenti. La procura di Catania ha ascoltato i giovani testimoni delegando le indagini anche alla polizia postale guidata da Marcello La Bella che ha provveduto a perquisire la casa di S. N. In comunicato diramato dagli uffici giudiziari etnei si parla di «numerosi e gravi elementi probatori». Al momento l'uomo si trova ristretto agli arresti domiciliari.

La vicenda viene alla luce lo scorso febbraio, quando i compagni di scuola della vittima, avrebbero osservato sul cellulare del 19enne alcuni immagini che avrebbero ritratto in atteggiamenti intimi il maestro con il suo allievo. Si tratterebbe di selfie ossia di autoscatti. Non sarebbe però ancora chiaro l'autore delle foto. Viste le immagini, i ragazzi hanno deciso di agire contattando dapprima gli insegnanti e successivamente i propri genitori. Che hanno denunciato il tutto ai carabinieri

Gli uomini dell'Arma, ascoltata la vittima e i genitori di quest’ultima, hanno attivato indagini molto approfondite sulla vita dell'uomo. Contemporaneamente la procura di Catania ha chiesto alla polizia postale un intervento che ha permesso di acquisire immagini che erano state prima cancellate dal cellulare del 66enne. Che è stato anche sottoposto a perquisizione della propria abitazione. È stato infatti appurato che gli abusi sarebbero avvenuti all’interno della casa del docente, dove i familiari, ignari di tutto, portavano il ragazzo per il doposcuola.

«Con la scuola questa vicenda non c'entra nulla - spiega a MeridioNews la dirigente Loredana Lorena - e l'insegnante gode di ottima reputazione tra i colleghi e i genitori dei bambini. Il fatto che sia stato prelevato davanti a tutti, quando si stava entrando a scuola, ha suscitato un forte clamore».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×