Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Riccardo Luna:
Il segreto di Internet è l'esclusività

Step1 si è fermato a chiaccherare con Riccardo Luna, direttore del neonato Wired Italia, durante una breve pausa del Working Capital Camp di Catania. Gli abbiamo chiesto quali siano i punti di forza di un giornale online, perché i social network sono così importanti e se la libertà che abbiamo su Internet ce la siamo guadagnata

Quanto sono importanti i social network? E' davvero così importante per un giornale l'interazione  con i lettori? Cosa si può fare per accrescere la propria visibilità in rete?

Lo abbiamo chiesto a Riccardo Luna, direttore del neonato Wired Italia, durante una pausa  del Working Capital Camp, l'incontro tra blogger e curiosi della rete organizzato da Telecom Italia, tenutosi il 29 Aprile all'Ex Monastero dei Benedettini di Catania.

Riccardo, quanto conta oggi per un giornale saper usare i social network?
I social network sono uno strumento fondamentale. Il loro uso mi fa capire se il giornale va o no, perché tengono un dialogo continuo con i lettori. È faticoso, certo, ma ti restituisce tantissimo a livello di stimoli nel migliorare il prodotto. Un quotidiano online ha infiniti spazi oggi.
L'importante è capire che non bisogna aggiungersi agli altri, ma dare informazioni esclusive. Non ha senso dare una notizia battuta cento volte su Google News.

Quali devono essere i punti di forza di un buon giornale online?
Informazioni esclusive, punto di vista fortissimo, qualità di quello che metti dentro.

E la visibilità come si ottiene?
Penso che se il giornale funziona, la visibilità aumenta da sé. Internet in questo è democratico. Se trovi una cosa che funziona, ci torni. Adesso si hanno a disposizione infiniti siti, ma il tuo tempo è sempre quello. Da quei pochi minuti che spendi leggendo un sito, vuoi ricavarne qualcosa.

Una tua riflessione sul Pacchetto Telecom (un pacchetto di leggi che permetterebbe ai provider di limitare l'accesso ad Internet nell'UE), di nuovo al vaglio del Parlamento Europeo. Cosa ne pensi? La libertà nel web è a rischio?
Devo dire che ho notato in sede europea una sensibilità straordinaria sulle tematiche relative ad Internet. Un commissario greco ha addirittura detto, come sostengo da tempo, che Internet è un “patrimonio dell'umanità”.
La battaglia per la libertà di Internet non si può perdere. Il problema, semmai, è quanto ci mettiamo, il rischio che l'Italia rimanga troppo indietro. Ma alla fine ne usciremo vittoriosi.

Abbonati a MeridioNews per continuare a leggere l'articolo

È gratis per i primi 30 giorni

Un piccolo sostegno a fronte di un grande lavoro: per leggere il giornale dal tuo smartphone, dopo 3 contenuti gratuiti ogni mese, ti chiediamo un contributo. In cambio non vedrai pubblicità invasiva e potrai scoprire tutti i nostri approfondimenti esclusivi.

Scopri di più

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×