Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Maniace, blitz contro l'assenteismo al Comune
«Attendiamo esito indagini per provvedimenti»

Il controllo è stato effettuato dai carabinieri della stazione locale con l'aiuto dei colleghi di Randazzo. Il primo cittadino Antonino Cantali si professa tranquillo ma spiega che potrebbero essere prese delle contromisure. «Ringrazio le forze dell'ordine», spiega a MeridioNews

Luigi Saitta

Foto di: Google maps

Foto di: Google maps

Blitz contro l'assenteismo al Comune di Maniace da parte dai carabinieri della stazione locale, insieme ai militari della tenenza di Randazzo. A metà mattinata di lunedì le forze dell'ordine hanno bloccato tutte le vie d'accesso ai locali di via Beato Placido, per passare al setaccio i dipendenti presenti e gli eventuali assenti

Un gesto forte e chiaro contro la categoria dei dipendenti comunali, spesso finita in prima pagina e additata in diversi Comuni come furbetti del cartellino. I casi di questo tipo si sono moltiplicati in Sicilia negli ultimi anni. Gli ultimi in ordine di tempo sono quelli di Siracusa e Furci Siculo, in provincia di Messina. Nel capoluogo aretuseo sono stati 29 i dipendenti dell'ex provincia denunciati dalla guardia di finanza, mentre nel piccolo Comune peloritano le assenze avrebbero riguardato 65 presunti furbetti, con alcuni di questi che avrebbero accumulato 150 ore di assenze in un mese. 

Al momento trapela ben poco sui controlli di ieri a Maniace, ma sembra che qualche problema ci sia. Tranquillo il sindaco Antonino Cantali: «Non sono belle notizie - spiega a MeridioNews - ma di sicuro chi lavora in un ente pubblico dovrebbe dare il massimo per mettersi al servizio dei cittadini. Ringrazio le forze dell'ordine per il lavoro svolto e attendiamo l'esito delle indagini per prendere i dovuti provvedimenti».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×