Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Questo è solo l'antipasto

La commissione paritetica per la didattica dell’università di Catania ha annunciato la chiusura di 7 corsi di laurea per l’anno prossimo e prevede, in totale, la soppressione di 20 corsi di laurea dal 2010. Ma la dieta dimagrante rischia d’essere squilibrata- Un nuovo spazio per "Comunicazione"?

È di moda chiamarla “razionalizzazione”. Si cita il caso di corsi di laurea stravaganti, come quello, ormai famoso, attivato presso la facoltà di Veterinaria dell'università di Bari ed intitolato “Scienze dell'allevamento, igiene e benessere del cane e del gatto”. Oppure, per restare in tema, il mirino è puntato sui corsi di laurea da sopprimere perché frequentati solo da quattro gatti. Ma così non è. Anzi, in molti casi, è vero il contrario: sono a rischio corsi di laurea con numerosissimi iscritti. Vi spieghiamo perché.
  La cosiddetta razionalizzazione avviata in tutti gli atenei, e orgogliosamente sbandierata dai “virtuosi” Rettori, c'entra relativamente poco coi tagli della Gelmini. Essa è solo l'antipasto in vista dell'applicazione del decreto ministeriale n.270, varato dalla Moratti nel 2004 e attuato sia da Mussi che dall'attuale governo, che prevede alcuni “requisiti minimi” per la convalida dei corsi di laurea. Serve un certo numero di professori di ruolo per ogni corso, e dal numero dei docenti strutturati dipenderà il tetto massimo d'iscritti. Ciò vuol dire che sarà impossibile continuare a tenere aperti corsi di laurea che attirano numerosissimi iscritti affidandosi unicamente ai famosi “docenti a contratto”, ovvero giovani ricercatori in formazione o professionisti esterni pagati in maniera quasi simbolica.   Se veniamo all'università di Catania, la maggior parte delle facoltà ha deciso di rinviare al 2010-2011 l'applicazione dei “requisiti minimi”. La limitata soppressione di corsi di laurea prevista per il prossimo anno accademico (sette corsi in meno a Scienze, Economia e Scienze della Formazione) è perciò soltanto il preludio di quanto avverrà a partire dal 2010-2011. Ed è soprattutto il preludio del numero programmato che dovrà essere applicato a tutte le facoltà.   Il “dietologo” prof. Giuseppe Cozzo, ex preside di Ingegneria e delegato del Rettore alla Didattica, sdrammatizza: “... abbiamo toccato con mano esempi di corsi che vanno tagliati e interverremo. Nulla di drastico, ma una cura avviata per sentirsi meglio”. Disgraziatamente non sarà così per alcuni settori umanistici, ad esempio per i due corsi della classe di laurea in scienze della comunicazione attivi presso le facoltà di Lettere e di Lingue che hanno attirato migliaia di iscritti. Qui, in assenza di docenti di ruolo dei settori disciplinari portanti, la cura dimagrante rischia d'essere drastica. E può darsi che il paziente stramazzi a terra.   Ci sono quattro argomenti sui quali la commissione paritetica per la didattica sembra in difficoltà per bilanciare la dieta. Il primo è quello della collaborazione interfacoltà, per ottimizzare le risorse e sopprimere il fenomeno delle facoltà che si sono fatte concorrenza a colpi di corsi di laurea doppione. Fino a che punto il prof. Cozzo riuscirà a convincere i Presidi a collaborare, ponendo in primo piano la qualità dell'offerta didattica e non i pretesi “interessi” di facoltà?   Il secondo argomento cruciale è lo squilibrio tra lauree triennali di primo livello e lauree specialistiche biennali. Molti studenti fuggono via da Catania dopo la triennale. Come mai? Ma basterebbe osservare il paradosso per cui esistono 85 lauree “di base” e soltanto 58 specialistiche. Non dovrebbe essere il contrario?   Il terzo argomento è il ridimensionamento dei corsi di laurea doppione nelle sedi decentrate. Basti l'esempio di medicina e giurisprudenza a Ragusa, fotocopie dei corsi tenuti a Catania.   Quarto ed ultimo è il fallimento generalizzato del 3+2. Facoltà come Giurisprudenza e Ingegneria stanno correndo ai ripari riattivando la laurea quinquennale a ciclo unico. Nelle altre si fa finta di niente.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews