Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Questo è solo l'antipasto

La commissione paritetica per la didattica dell’università di Catania ha annunciato la chiusura di 7 corsi di laurea per l’anno prossimo e prevede, in totale, la soppressione di 20 corsi di laurea dal 2010. Ma la dieta dimagrante rischia d’essere squilibrata- Un nuovo spazio per "Comunicazione"?

È di moda chiamarla “razionalizzazione”. Si cita il caso di corsi di laurea stravaganti, come quello, ormai famoso, attivato presso la facoltà di Veterinaria dell'università di Bari ed intitolato “Scienze dell'allevamento, igiene e benessere del cane e del gatto”. Oppure, per restare in tema, il mirino è puntato sui corsi di laurea da sopprimere perché frequentati solo da quattro gatti. Ma così non è. Anzi, in molti casi, è vero il contrario: sono a rischio corsi di laurea con numerosissimi iscritti. Vi spieghiamo perché.
  La cosiddetta razionalizzazione avviata in tutti gli atenei, e orgogliosamente sbandierata dai “virtuosi” Rettori, c'entra relativamente poco coi tagli della Gelmini. Essa è solo l'antipasto in vista dell'applicazione del decreto ministeriale n.270, varato dalla Moratti nel 2004 e attuato sia da Mussi che dall'attuale governo, che prevede alcuni “requisiti minimi” per la convalida dei corsi di laurea. Serve un certo numero di professori di ruolo per ogni corso, e dal numero dei docenti strutturati dipenderà il tetto massimo d'iscritti. Ciò vuol dire che sarà impossibile continuare a tenere aperti corsi di laurea che attirano numerosissimi iscritti affidandosi unicamente ai famosi “docenti a contratto”, ovvero giovani ricercatori in formazione o professionisti esterni pagati in maniera quasi simbolica.   Se veniamo all'università di Catania, la maggior parte delle facoltà ha deciso di rinviare al 2010-2011 l'applicazione dei “requisiti minimi”. La limitata soppressione di corsi di laurea prevista per il prossimo anno accademico (sette corsi in meno a Scienze, Economia e Scienze della Formazione) è perciò soltanto il preludio di quanto avverrà a partire dal 2010-2011. Ed è soprattutto il preludio del numero programmato che dovrà essere applicato a tutte le facoltà.   Il “dietologo” prof. Giuseppe Cozzo, ex preside di Ingegneria e delegato del Rettore alla Didattica, sdrammatizza: “... abbiamo toccato con mano esempi di corsi che vanno tagliati e interverremo. Nulla di drastico, ma una cura avviata per sentirsi meglio”. Disgraziatamente non sarà così per alcuni settori umanistici, ad esempio per i due corsi della classe di laurea in scienze della comunicazione attivi presso le facoltà di Lettere e di Lingue che hanno attirato migliaia di iscritti. Qui, in assenza di docenti di ruolo dei settori disciplinari portanti, la cura dimagrante rischia d'essere drastica. E può darsi che il paziente stramazzi a terra.   Ci sono quattro argomenti sui quali la commissione paritetica per la didattica sembra in difficoltà per bilanciare la dieta. Il primo è quello della collaborazione interfacoltà, per ottimizzare le risorse e sopprimere il fenomeno delle facoltà che si sono fatte concorrenza a colpi di corsi di laurea doppione. Fino a che punto il prof. Cozzo riuscirà a convincere i Presidi a collaborare, ponendo in primo piano la qualità dell'offerta didattica e non i pretesi “interessi” di facoltà?   Il secondo argomento cruciale è lo squilibrio tra lauree triennali di primo livello e lauree specialistiche biennali. Molti studenti fuggono via da Catania dopo la triennale. Come mai? Ma basterebbe osservare il paradosso per cui esistono 85 lauree “di base” e soltanto 58 specialistiche. Non dovrebbe essere il contrario?   Il terzo argomento è il ridimensionamento dei corsi di laurea doppione nelle sedi decentrate. Basti l'esempio di medicina e giurisprudenza a Ragusa, fotocopie dei corsi tenuti a Catania.   Quarto ed ultimo è il fallimento generalizzato del 3+2. Facoltà come Giurisprudenza e Ingegneria stanno correndo ai ripari riattivando la laurea quinquennale a ciclo unico. Nelle altre si fa finta di niente.

Abbonati a MeridioNews per continuare a leggere l'articolo

È gratis per i primi 30 giorni

Un piccolo sostegno a fronte di un grande lavoro: per leggere il giornale dal tuo smartphone, dopo 3 contenuti gratuiti ogni mese, ti chiediamo un contributo. In cambio non vedrai pubblicità invasiva e potrai scoprire tutti i nostri approfondimenti esclusivi.

Scopri di più

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×