Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Spaccio, l'eredità dei padri ai giovani gestori
Tra cortei di scooter e un accurato libro mastro

Una rete di ragazzi sotto i trent'anni avrebbe preso in mano il mercato della droga in città in nome della famiglia di Cosa nostra dei Santapaola. Capeggiati, secondo gli inquirenti, dal latitante Andrea Nizza. Tra di loro in tanti sono pure i figli di alcuni dei personaggi di primo piano del panorama mafioso

Dario De Luca

Giovanni Magrì ha da poco compiuto 23 anni. Dario Nizza è nato nell’estate del 1993, qualche mese dopo l’arresto del capomafia catanese Nitto Santapaola. Danilo Marsiglione sulla carta d’identità ha indicato il 1987 come anno di nascita. L’inchiesta Polarische ha smantellato il mercato della droga in via Stella Polare a Catania, ha acceso nuovamente i riflettori su Cosa nostra e sui ragazzi che avrebbero preso in mano la gestione degli stupefacenti per la storica famiglia Santapaola. Un esercito di giovanissimi con cognomi importanti, dal profilo che ricorda Gomorra e con un presunto capo poco più che trentenne, Andrea Nizza. Introvabile dal 2014 e successore di una dinastia di trafficanti di droga che ha trasformato il quartiere di San Cristoforo in una roccaforte.

Dario Nizza non veniva mai a contatto con la droga

A ritagliarsi un ruolo di protagonista in quelle strade sarebbe stato Dario Nizza, nipote del latitante. Un certificato penale immacolato ma per gli inquirenti braccio operativo del padre Salvatore mpapocchia, ultimo dei cinque fratelli di Andrea in libertà prima dell'operazione e con il presunto compito di coordinare lo spaccio di cocaina e marijuana in via Stella polare. Secondo i pentiti Davide Seminara e Salvatore Cristaudo, Dario Nizza non sarebbe stato affiliato con il rituale della pungiuta per volontà del padre che «preferisce tenerlo fuori». La sua presunta posizione di vertice deriverebbe, come si legge nell’ordinanza di custodia cautelare, dal fatto che «non veniva mai a contatto con la droga». Per sporcarsi le mani c'erano decine di pusher. Baby manovalanza pronta a essere sostituita «un minuto dopo i controlli da parte delle forze dell’ordine».

Sulle orme del padre si sarebbe ritagliato un ruolo anche il 23enne Giovanni Magrì. All’anagrafe figlio di Orazio, boss del quartiere Civita catturato nel 2013 in Romania mentre era latitante. In fuga da processi e accuse per numerosi omicidi. Nel 2014, durante un controllo dei carabinieri in via Vivaio, il figlio di Magrì prova ad avvertire uno degli indagati che aveva il compito di custodire la droga. Il tentativo però non funziona e, quando i militari sequestrano il telefonino dell’arrestato, gli trovano un sms inviato proprio da Magrì. Il testo per gli inquirenti non lascerebbe spazio a interpretazioni: «Aiutati. Vattini» (Sbrigati. Vai via, ndr).

Andrea Nizza ci diceva di girare in città con i motorini per dimostrare la nostra forza

Il supermercato della droga in quella che è definita la «migliore piazza di spaccio di Catania» avrebbe avuto invece come gestore del turno notturno Danilo Girolamo Marsiglione. Una sorta di «coordinatore delle operazioni di vedette e pusher», si legge nell’ordinanza. A lui sarebbe spettata la gestione di un foglio, nascosto dentro il telaio di una tenda da sole di una macelleria, con le annotazioni sia dei soprannomi dei nove pusher impegnati nel turno, ma anche quelle relative alle spese e agli incassi durante la giornata di lavoro. Una sorta di libro mastro dello spaccio in cui era «obbligatorio rendicontare tutto». Così nella lista finivano pure i soldi spesi per il carburante degli scooter e la voce «bar».

Tra le pagine dell’ordinanza c’è poi il racconto dell’ostentazione del potere da parte del clan diventato egemone in città. Non solo affari con la droga ma anche messaggi per i gruppi rivali su precisa indicazione di Andrea Nizza. Un compito semplice: sfrecciare a decine senza casco per le strade a bordo di scooter come T-Max e Honda Sh. «Ci diceva di organizzare questi atti dimostrativi per fare vedere agli altri gruppi che la famiglia Nizza è ancora forte nonostante gli arresti e la collaborazione con la giustizia del fratello Fabrizio - racconta il pentito Salvatore Cristaudo -. Siamo andati in giro per diversi quartieri tra cui Picanello, ma anche dagli Strano a Monte Po e dai Mazzei». La procura distrettuale antimafia ha assicurato che l’obiettivo è colpire tutti i clan per evitare che qualcuno possa godere dei vuoti che si vengono a creare dopo gli arresti senza però dimenticare il compito principale: arrestare Andrea Nizza. Da due anni latitante e con condanne per 50 anni di carcere ad attenderlo, seppur non definitive. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×