Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Processo Ciancico, condannato a tre anni il notaio 
Avrebbe truffato «per necessità di vivere nel lusso»

Il professionista era imputato per i reati di falso, truffa e peculato e per lui l'accusa aveva chiesto nove anni di carcere. Avrebbe alterato i rogiti telematici inserendo delle clausole per ottenere benefici fiscali all'insaputa dei clienti. «Era avvezzo a una vita particolarmente dispendiosa», spiegava la magistrata Tiziana Laudani

Umberto Triolo

Foto di: Basilio Orfila

Foto di: Basilio Orfila

«Volare su Panarea con l’elicottero, comprare cavalli e motoscafi». Insomma sfoggiare il lusso. Ad ogni costo. Secondo l'accusa beffando lo Stato e i clienti per oltre un milione di euro. Il collegio giudicante della terza sezione del tribunale presieduto da Rosa Anna Castagnola, a latere Anna Maria Cristaldi e Barbara Maria Rapisarda, hanno condannato in primo grado a tre anni, oltre al pagamento delle spese processuali e alle spese sostenute dalle parti civili, Vincenzo Ciancico, il notaio catanese imputato per falsità materiale in atti pubblici, truffa e peculato. I giudici hanno dichiarato l'imputato interdetto in perpetuo dai pubblici uffici.

Il meccanismo che il professionista avrebbe attuato si basava sull’alterazione dei rogiti inviati telematicamente dopo la stipula all’interno del suo studio. In pratica ai clienti avrebbe fatto sottoscrivere degli atti e richiedeva il pagamento di determinate cifre, calcolate in base a quanto siglato. Successivamente, però, avrebbe inserito delle clausole per l’accesso a benefici fiscali. Di queste agevolazioni i contraenti non sempre avevano diritto. In entrambi i casi venivano tenuti all’oscuro. Grazie a questo presunto stratagemma all’Agenzia delle entrate Ciancico versava somme inferiori rispetto a quelle ricevute. Differenze che negli anni gli hanno permesso di intascare oltre un milione di euro. I soldi confluivano non sul suo conto professionale ma in quello cointestato con la moglie. I denari accumulati sarebbero serviti per il lusso. «Ciancico era avvezzo a una vita particolarmente dispendiosa - ha detto la pm Barbara Tiziana Laudani durante la requisitoria -. Aveva l’esigenza di possedere per vivere nel lusso, avere un motoscafo, comprare cavalli, raggiungere Panarea con l’elicottero e non con l’aliscafo; ma non si comprende come ciò possa disturbare seriamente la condotta di una persona». 

Era avvezzo a una vita particolarmente dispendiosa

Già perché durante il dibattimento in aula è stata tentata anche la carta della possibile capacità di intendere e volere scemata del notaio. Ma allo stesso tempo «Ciancico colpito da infarto - prosegue la pm - a 55 anni ha ripreso il lavoro dopo una settimana, fumando quattro pacchetti di sigarette e bevendo sei caffè al giorno. Ha violato ripetutamente i propri doveri. Le persone offese non sono state risarcite e non hanno ricevuto quanto avrebbero dovuto avere. I contraenti, ignari di tutto il meccanismo attuato dal notaio, oltre al danno hanno subito anche la beffa perché l’Agenzia delle entrate ha richiesto a loro le somme già pagate». Anche per queste ragioni l’accusa si è opposta al patteggiamento avanzato dalla difesa dell’imputato che puntava di concludere la vicenda giudiziaria con una pena di tre anni. Laudani, a conclusione della requisitoria, aveva chiesto la condanna a nove anni di carcere e la confisca di un milione e 114mila euro.

Per l’avvocato Giovanni Grasso, che ha assistito Vincenzo Ciancico, «dalla documentazione presentata è emerso che in parte c'è stato un risarcimento del danno. Per quanto riguarda la contestazione sull'alterazione dell'atto pubblico, in questo caso non c'è stata perché la copia telematica non costituisce un documento pubblico. Si tratta di un adempimento con il quale il notaio richiede la registrazione dell'atto e la firma telematica non attribuisce nessuna garanzia. La sola firma digitale, infatti, non certifica la conformità all'originale quindi non conferisce l'autenticità al documento in questione».

Molti i clienti che si sono costituiti parte civile nel processo; tra i tanti anche il colosso Auchan vittima del presunto illecito sistema messo in piedi dal notaio che si era occupato di redigere l’atto di acquisto di un terreno. «Il consiglio notarile - dichiara l’avvocato Salvo Trombetta che ha assistito il consiglio in giudizio come parte civile – ha dato un segnale con la costituzione perchè quelle condotte, a prescindere dalla pena, hanno leso l’immagine di tutti i notai. Non entro nel merito della pena perché non tocca a me come parte civile fare delle quantificazioni; evidentemente il tribunale avrà ritenute fondate alcune eccezioni sollevate dalla difesa dell’imputato. Attendiamo di leggere le motivazioni».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×