Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Etna sud, nuovo accordo per gestire emergenze
«Comuni al posto dei provvedimenti della prefettura»

Dopo anni di soluzioni prese dal governo nazionale, il coordinamento delle attività in situazioni di pericolo vulcanico passa in mano ai Comuni del versante meridionale. Adrano, Biancavilla, Ragalna, Belpasso, Nicolosi e Zafferana Etnea, hanno individuato punti di accesso alle zone da raggiungere in caso di pericolo

Francesco Vasta

Foto di: Francesco Vasta

Foto di: Francesco Vasta

Via libera al coordinamento di sei Comuni del versante sud dell’Etna nel campo delle attività di protezione civile. È stato infatti formalmente adottato dai sindaci di Adrano, Biancavilla, Ragalna, Belpasso, Nicolosi e Zafferana Etnea - i cui territori risalgono il cono vulcanico fino alle quote sommitali - al fianco del dipartimento regionale di Protezione civile, un protocollo d’intesa che apre alla collaborazione intercomunale in materia di gestione e prevezione dell’emergenza

«Siamo riusciti a riunire più amministrazioni attorno ad un piano condiviso d’intervento, questo è già il primo ottimo risultato - commenta Nino Borzì, primo cittadino di Nicolosi - In caso di pericolo lavoreremo di squadra condividendo uomini e mezzi, oltre a mettere in campo provvedimenti calibrati sulla reale entità dell’eventuale eruzione in corso, che sulle esigenze di sicurezza di chi si trova e opera sull’Etna». In tal modo, di fatto, i Comuni pongono un freno ai provvedimenti sostitutivi della prefettura che negli ultimi anni, complice un sistema di responsabilità sovrapposte fra enti, si è trovata a intervenire con ordinanze di blocco dell’accesso in quota, spesso stabilendo l'interdizione di aree montane molto più estese di quelle strettamente teatro dei fenomeni vulcanici.

L’intesa diverrà, fra l’altro, parte integrante dei piani di protezione civile di ciascuno dei partner. «In passato il protrarsi ingiustificato delle ordinanze ha impedito alle guide autorizzate di accompagnare molti visitatori a godere di eruzioni che non costituivano un pericolo immediato», chiarisce ancora Borzì. Dopo la firma del protocollo - che istituisce fra l’altro il Corves (Centro operativo rischio vulcanico Etna sud) con sede nel piazza del rifugio Sapienza - i sindaci, autorità locali di Protezione civile, potranno invece emanare ordinanze restrittive coordinate fra loro e ritagliate sulla porzione di montagna dove è effettivamente pericoloso recarsi, sempre sotto la guida degli esperti e dei rilievi degli studiosi.

Fondamentale, in tal senso, anche il nuovo «piano dei cancelli», cioè il documento che individua i punti di accesso alle zone sommitali in caso di emergenza, ciascuno selezionato in funzione degli scenari di impatto locale: si va dai tre cancelli d’alta quota (stazioni di partenza e d’arrivo della funivia cui si aggiunge Torre del Filosofo a quota 2900) ai cancelli individuati lungo la strada provinciale 92 (Zafferana), a Piano Vetore e Piano Bottara (Belpasso) e infine in contrada Valentino (Ragalna).

«Su un vulcano attivo come l’Etna la sicurezza delle persone viene prima di tutto, collaboriamo con tutti in tale ottica», ha aggiunto Calogero Foti, capo della protezione civile regionale, che ha anche preannunciato la posa di nuova segnaletica di avvertimento e la nascita, entro l’anno prossimo, del Centro regionale per i rischi sismico e vulcanico con sede a Nicolosi.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews