Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

L'urlo di Carlo Kaneba arriva a Cultura moderna 
«Mi manca solo di recitare in un cinepanettone»

Le sue originali camice colorate, il suo atteggiamento sopra le righe e la comicità del cabarettista siciliano sono una presenza di successo nel programma di Teo Mammucari su Italia 1. «Non mi aspettavo affatto che mi richiamassero. Quando sento imitare il mio “ahhhhhhhhh”, la soddisfazione è totale»

Chiara Chines

Amatissimo per le sue originali camice colorate e capace di far ridere e sorridere grandi e piccini: Carlo Kaneba, fiore all’occhiello del programma televisivo siciliano Insieme, approda su Italia 1, al fianco di Teo Mammucari nella nuova edizione di Cultura Moderna.

Un passo importante quello di arrivare sulle reti nazionali, ma non è la sua prima volta: già nel 2006 è stato uno degli inviati di Striscia la notizia, sempre sotto la guida attenta di Antonio Ricci, con il quale Carlo è felicissimo di tornare a lavorare: «Non mi aspettavo affatto che mi richiamassero dopo tanti anni, sono rimasto sorpreso ed entusiasta al tempo stesso che abbiano pensato a me per questo ruolo, è stato come ritrovare una famiglia».

Ma perché hanno voluto proprio Kaneba? «Perché ho lasciato un buon ricordo, credo. E poi perché impazziscono per il mio “urlo”. Hanno voluto mettermi alla prova dopo la mia assenza e sono contento di aver soddisfatto le loro aspettative. Trovarmi fianco a fianco ad un grande come Antonio Ricci durante la conferenza stampa è stato molto emozionante».

Un nuovo programma, ma soprattutto una nuova sfida per il comico etneo, abituato al contatto diretto con un pubblico, quello siciliano, che lo conosce e lo stima da tanti anni. «In televisione, a quei livelli è tutto più difficile: i ritmi sono più serrati, il pubblico non mi conosce, ho meno di un ora per conquistarlo ad ogni puntata, ma quando poi lo sento ridere, o imitare con gioia il mio “ahhhhhhhhh”, la soddisfazione è totale».

Kaneba in tanti anni di carriera ha collezionato esperienze in quasi tutti i settori dello spettacolo: radio, televisione, teatro, musica, «mi manca solo di recitare in un cinepanettone» dice ridendo, «mi piacerebbe molto prendervi parte; per non parlare poi di registi del calibro di Giuseppe Tornatore o Pupi Avati: fare anche solo un cameo in un loro film sarebbe la realizzazione di un sogno». 

E del suo ultimo progetto televisivo locale, Cucina che vai Kaneba che trovi, che lo ha visto protagonista nelle cucine siciliane negli ultimi anni, dice: «Amo tanto la cucina, soprattutto quella fatta a mio modo. Non è solo insegnare una ricetta agli spettatori, è prepararla con loro e farli ridere nel frattempo. È un’idea che ho portato avanti con gioia e che in futuro mi piacerebbe riprendere, anche con una formula nuova, chi lo sa?»

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×