Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Etna nord, nuove indicazioni dell'Antitrust ai Comuni
«Licenza a più aziende per trasporto turisti in quota»

Dopo il parere di febbraio scorso l'autorità garante per la concorrenza ha inoltrato un documento di quattro pagine agli enti di Castiglione di Sicilia e Linguaglossa. L'obiettivo è chiarire definitivamente le modalità per riuscire a raggiungere quota 3000 metri. Verso il tramonto l'era delle concessioni a una sola società

Francesco Vasta

Foto di: Francesco Vasta

Foto di: Francesco Vasta

Autorizzare più imprese, in concorrenza fra loro, a trasportare i turisti ai crateri dell'Etna lungo la strada che da piano Provenzana conduce a quota 3000 metri. È l'indicazione cui, salvo colpi di scena, i Comuni di Linguaglossa e Castiglione di Sicilia - nel cui territorio è compreso il percorso - dovranno conformarsi «rapidamente», procedendo ad affidare il servizio di escursioni in jeep non più ad un solo concessionario, ma dando licenza a più aziende scelte attraverso evidenza pubblica: «Rappresenta la modalità più idonea per introdurre concorrenza nel mercato in questione». Lo scrive l'Autorità garante per la concorrenza ed il mercato (Agcm), tornata a pronunciarsi - dopo il parere dello scorso febbraio sulle distorsioni della concorrenza derivanti da affidamenti e gestione delle vie d’accesso a quota 3000 - sulla querelle riguardo il futuro delle escursioni in quota sul versante nord del vulcano.

Un nuovo documento di sole quattro pagine, forse destinate stavolta a chiarire in definitiva i contorni della vicenda, è stato infatti recapitato Linguaglossa e Castiglione, facendo seguito peraltro ad una richiesta di chiarimenti che il primo Comune aveva sollecitato dopo il tavolo tecnico fra le parti dello scorso maggio, ospitato al Parco dell’Etna.

In quell'occasione i due Comuni, dopo il clamoroso deflagrare dei contrasti sul modello gestionale da adottare, erano comunque riusciti a darsi delle linee guida condivise. Principi generali per il futuro l’appalto pluriennale della strada di Etna nord mentre, per salvare la stagione escursionistica estiva, avevano bandito un affidamento limitato al periodo luglio-novembre, aggiudicato poi al concessionario che per vari decenni aveva gestito il percorso, la società Star srl.

Non si può limitare a un solo operatore la concessione del servizio

Il modello dell’affidamento pluriennale - recitano ancora le linee guida - avrebbero poi dovuto scegliersi fra: una concessione di servizio pubblico, una concessione dell’uso della strada-bene pubblico – ipotesi sulla falsariga delle concessioni assegnate negli anni al gestore storico - e, appunto, un regime autorizzatorio che mettesse più vettori di turisti in concorrenza sulla stessa pista. Su questo punto, scrive l’Agcm nel nuovo parere, «La scelta fra i modelli alternativi deve tenere conto dello specifico oggetto dell’affidamento e, trattandosi della sola pista rotabile, non sembrano in concreto ravvisabili esigenze oggettive che possano limitare a un solo operatore in concessione lo svolgimento in esclusiva del servizio».

Da archiviare, dunque, l'epoca delle concessioni esclusive dell’unica via per salire fino in cima da nord. L’assetto complessivo dell’accesso alla vetta del vulcano patrimonio Unesco era stato giudicato dalla stessa Agcm, «Contrario ai principi posti a tutela della concorrenza, con riguardo all’assenza di procedure selettive - si legge nel parere di febbraio, anche in riferimento a Etna sud - e in ragione di requisiti di partecipazione alle procedure di affidamento ingiustificatamente restrittivi».

Campo libero, adesso, per l’attuazione di un sistema inedito: «L’Autorità sollecita i Comuni ad avviare rapidamente un regime autorizzatorio di affidamento pluriennale della strada». L’idea di aprire la strada di Etna nord a più soggetti in concorrenza era stata, negli ultimi anni, la bandiera del comitato Sviluppo e legalità di Etna nord, rappresentato dai consiglieri comunali Salvatore Rinaldi e Alfio Conti. Idea poi accolta dal sindaco di Castiglione, Salvo Barbagallo, anche per questo motivo arrivato alla rottura con Linguaglossa. Qui, mentre la sindaca Rosa Maria Vecchio, pur avanzando forti perplessità, di recente non aveva del tutto chiuso la porta al sistema adesso indicato con decisione dall’Antitrust, è stata finora granitica la convergenza di gran parte delle forze politiche consiliari - con i testa i consiglieri Francesco Malfitana e Aldo Guzzetta sull’ipotesi di un unico assegnatario. Una convenzione intercomunale per una concessione della strada lunga 15 anni era stata votata - a fine 2015, a pochi mesi dal primo dei parere dell’Agcm - da ventisei dei trenta consiglieri comunali dei due Comuni.  

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.