Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Libera impresa, l'associazione antiracket anche a Paternò
Pacifico: «Antimafia fatta di concretezza, non di proclami»

Un nuovo sportello per chi vuole contrastare pizzo e usura è stato presentato ieri nell'aula dell'ex tribunale di piazza della Regione. «Paternò è controllata da clan ben radicati, stiamo lavorando per liberare il territorio», ha dichiarato il presidente dell'associazione Rosario Cunsolo 

Salvatore Caruso

Foto di: Salvatore Caruso

Foto di: Salvatore Caruso

Libera Impresa, associazione antiracket e antiusura, arriva a Paternò con l'obiettivo di rafforzare sul territorio le azioni di lotta al racket e al pizzo. L’annuncio della nuova sede è stato dato ieri dal presidente dell’associazione Rosario Cunsolo, all’interno dell’aula dell’ex tribunale di piazza della Regione, alla presenza delle massime autorità civili e militari. «Il Comune non ci ha ancora dato una sede - spiega Cunsolo - ma saremo presenti sul territorio con un nostro referente, un sottufficiale della Guardia di Finanza in pensione, Domenico Triolo, grande conoscitore di Paternò e della sua realtà». Paternò Biancavilla e Adrano sono spesso definite i comuni del triangolo della morte a causa del radicamento mafioso e del fenomeno del pizzo e «uno sportello antiracket- ha detto Cunsolo - ha l’obiettivo di dare aiuto e sostegno concreto a commercianti e imprenditori che vogliono uscire dal giogo dell’usura».

«Questi presidi di legalità possono accompagnare gli imprenditori in un percorso che porta alla denuncia che è l’unica strada praticabile - ha dichiarato Pasquale Pacifico, magistrato, presidente dell'Anm Catania, nel corso della presentazione -. Libera Impresa è un associazione antiracket che già opera sul territorio in maniera seria, perché l’antimafia è fatta di attività concreta e non di proclami ambiziosi». Presenti all’inaugurazione il tenente Francesco Lucarelli della compagnia carabinieri di Paternò, Rosa Maria Monea in rappresentanza della Prefettura di Catania, il colonnello Mario Pantanò del comando provinciale carabinieri Catania, la capitana Francesca Conte della Guardia di Finanza di Paternò, Salvatore Montegnamo della Questura Catania e Mary Sottile, direttore del giornale Ciak news. Nell'aula dell’ex Tribunale erano presenti anche gli studenti degli istituti scolastici che hanno partecipato alla terza edizione della Coppa della Legalità, un evento organizzato da Libera Impresa, insieme all'Associazione nazionale magistrati e alle forze dell’ordine.

Il perché della presenza dell’associazione lo spiega Rosario Cunsolo: «Oggi non c’erano solo autorità e magistrati, ma anche un pubblico composto da commercianti e imprenditori; tra questi anche coloro che sono stati felici a denunciare, imprenditori coraggiosi. Paternò è controllata, ci sono dei clan ben radicati. Stiamo lavorando per liberare il territorio». Cunsolo lancia un appello ali imprenditori e commercianti: «Denunciate perché un'impresa libera significa che ha un futuro davanti, al contrario pagare il pizzo porta l’impresa alla morte». 

Cunsolo ha parlato della recente operazione antimafia di Biancavilla, attraverso la quale i carabinieri hanno arrestato 12 presunti affiliati al clan Mazzaglia-Toscano-Tomasello, i quali per oltre 5 anni hanno taglieggiato un imprenditore nel settore delle pompe funebri. Rosario Cunsolo ha ribadito che l’associazione Libera Impresa, già attiva su Biancavilla, è stata vicina alla vittima sin dal momento in cui ha deciso di denunciare i suoi aguzzini: «La presenza sul territorio dell’associazione è molto importante per aiutare le vittime a superare la sfiducia nelle autorità dello Stato». 

Cunsolo racconta anche un aneddoto: un giovane di 25 anni di Biancavilla si sarebbe ribellato ai suoi aguzzini ascoltando brani rap antimafia e di riscatto sociale per il Sud. I versi cantati da rapper paternese Dinastia, «Chi te lo fa fare», che inneggiano a Falcone e a Borsellino, e quelli de «La mia realtà» dei Poeti onirici, ascoltati e riascoltati sulla propria condizione personale, lo avrebbe spinto a dire basta alle vessazioni. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×