Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Catturato a Viagrande latitante Andrea Nizza
Era ritenuto il capo di Cosa nostra a Catania

L'uomo era introvabile dalla fine del 2014, quando era stato condannato nel processo scaturito dall'operazione antimafia Fiori bianchi. Secondo gli inquirenti avrebbe spadroneggiato a Librino, quartiere che ormai da tempo era diventato la sua roccaforte. Sulle spalle ha numerose condanne non ancora definitive

Dario De Luca

Dopo due anni e un mese, è finita la latitanza di Andrea Nizza. L'ultimo introvabile di Cosa nostra etnea è stato scovato dentro una casa di Viagrande dagli uomini del reparto operativo speciale dei carabinieri. Alla vista dei militari, il ricercato non avrebbe opposto resistenza e con lui è finita in manette pure una coppia di coniugi, accusati di favoreggiamento. Occhi scavati, qualche chilo in più e con tanti capelli in meno, rispetto all'unica foto segnaletica in circolazione, Nizza prima di essere portato via ha indossato una camicia nera con giacca a pois.

L'uomo, 30enne, è considerato dagli inquirenti il capo della famiglia mafiosa dei Santapaola-Ercolano di Catania e aveva fatto perdere le sue tracce alla fine del 2014. Quando il tribunale etneo lo aveva condannato a sei anni e otto mesi, nell'ambito del processo scaturito dall'operazione Fiori bianchi. Da quel giorno Nizza era diventato introvabile, accrescendo il suo potere criminale tanto da essere inserito tra i latitanti più ricercati dalle forze dell'ordine. 

L'ex latitante appartiene a una dinastia di mafiosi specializzati nel business del narcotraffico, in particolare con l'Albania. L'ultimo dei cinque fratelli di Nizza a finire in manette, durante l'operazione Polaris dello scorso novembre, è stato Salvatore, detto mpapocchia, e il figlio di quest'ultimo, Dario. Ci sono poi il sanguinario Daniele e sopratutto Fabrizio. Che dal 2015 ha deciso di tradire la famiglia per iniziare a collaborare con gli inquirenti. Un pentimento che ha mandato in crisi la cosca e le tradizionali roccaforti nei quartieri di Librino, San Cristoforo e San Giovanni Galermo, con centinaia di arresti e sequestri di armi e droga che si sono susseguiti a ritmo incessante. L'uomo ha puntato il dito anche contro il fratello catturato oggi.

Sulle spalle di Andrea Nizza pesano numerose condanne, non ancora definitive. Negli ultimi mesi l'emergente ha collezionato pene per tentata estorsione, usura, lesioni, traffico di droga e omicidio. Un pedigree che - stando alle sentenze - ammonta già a più di 50 anni di detenzione da scontare. Le ricerche non sono state semplici, perché il boss ha goduto di una fitta rete di fedelissimi che gli hanno garantito l'irreperibilità dalle forze dell'ordine. Almeno fino a oggi.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×