Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Paternò, randagi avvelenati davanti ospedale
Muore il capobranco, scomparse le femmine

Questa mattina i dipendenti del Pronto soccorso del Santissimo Salvatore hanno trovato il corpo di un cane davanti all'ingresso. Trovato in gravi condizioni un altro animale mentre risultano attualmente introvabili due cagnoline del branco. «Non facevano male a nessuno, è assurdo» commenta un infermiere

Salvatore Caruso

Ennesima e ingiustificata barbarie a Paternò dove un uomo ha avvelenato poco prima di mezzogiorno i randagi che stazionavano da tempo nell’area intorno al Pronto soccorso dell’ospedale Santissimo Salvatore. Per farlo l'individuo si sarebbe servito di cibo avvelanto che ha portato alla morte di Flash, il capobranco, un randagio microchippato di circa sette anni, trovato morto all’ingresso del Pronto soccorso

Trovato vivo ma in gravi condizioni Jump, un maschio randagio che si era aggregato al gruppo da solo qualche settimana. Il cane è stato soccorso da un ambulanza e trasportato alla clinica veterinaria di Nesima. Non si hanno per il momento notizie delle due femmine del gruppo, Back e Giulia, sterilizzate e microchippate. Le due randage sembrano scomparse nel nulla, nonostante siano state cercate per ore dai volontari delle società Upa, Il mio amico, Cuccioli dell’Etna

Il gruppo di randagi era ben voluto dalla maggior parte dei dipendenti del presidio sanitario che, giornalmente, li nutrivano. «Sono davvero rammaricato per quello che è successo - ha detto un infermiere in servizio al reparto d'emergenza - stamattina quando ho finito il turno, i cani stavano bene. Davvero assurdo». Gli animali erano innocui come ci conferma un vigilantes del nosocomio: «Non mi risulta che siano stati protagonisti di qualche fatto spiacevole». 

Allertati per la vicenda gli agenti della polizia municipale. «Non abbiamo trovato esche avvelenate in giro - ha detto Franco Rapisarda, l’ispettore che si occupa della problematica randagi - colui che ha dato il cibo di sicuro ha ripulito il tutto per evitare di esse identificato». L’episodio di stamattina è l’ultimo di una lunga serie. L’ultimo fatto di crudeltà è quello avvenuto mercoledì quando ignoti hanno impiccato un cucciolo di appena 4 mesi, sul ponte di contrada Pietralunga, sul fiume Simeto.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×