Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

La droga della 'ndrangheta, i legami con Catania
Il porto possibile meta della cocaina colombiana

Nell'operazione Stammer della Dda di Catanzaro c'è anche la città etnea. Sia come tappa intermedia degli emissari delle cosche calabresi verso Vittoria, sia come destinazione dove far arrivare una parte del colossale carico di stupefacente dal Sudamerica

Salvo Catalano

Foto di: Autorità Portuale di Catania

Foto di: Autorità Portuale di Catania

Tra gli affari della 'ndrangheta compare anche la città di Catania. Il capoluogo etneo viene citato diverse volte nell'inchiesta Stammer coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro, che ha portato all'arresto di 54 persone e a bloccare una colossale importazione di cocaina, ottomila chili per il valore di un miliardo e 600 milioni di euro, dalla Colombia all'Italia. 

Catania, come spiegato negli atti, è tappa intermedia dei viaggi che gli emissari delle cosche di Vibo Valentia fanno verso Vittoria, dove dovrebbero incontrare «gli amici siciliani» disposti a partecipare al mega affare. Ma non solo. Quando, il 19 agosto del 2015, il primo carico di cocaina spedito dalla Colombia viene sequestrato al porto di Livorno, l'organizzazione entra in fibrillazione per cercare una meta alternativa. E, stando alle intercettazioni della Dda, tra queste viene preso in considerazione proprio il porto di Catania, insieme a quelli di Napoli e Gioia Tauro

Nel capoluogo etneo evidentemente le 'ndrine pensano di poter contare su coperture sufficienti. A parlarne esplicitamente sono due pezzi da novanta dell'organizzazione: da una parte Jaime Eduardo Cano Sucerquia, detto Jota Jota, che nelle trattative con i calabresi è il primo referente del Cartello colombiano fornitore della cocaina, «soggetto - ne delinenao il profilo gli inquirenti - che, oltre a venire personalmente in Italia, aveva poteri decisionali nella fissazione di quantità, qualità e prezzo dello stupefacente, nonché delle modalità e dei tempi per le spedizioni e consegne».

Jota Jota parla di Catania con Rosario Arcuri, colui che, per conto della cosca calabrese, concretamente doveva occuparsi del recupero della droga una volta arrivata, via mare, in Italia. Arcuri è inoltre tra i più stretti collaboratori di Salvatore Pititto, reggente dell'omonima cosca che guida la trattativa con i colombiani e relaziona tutto al capomafia Filippo Fiarè. A riprova della possibilità concreta, poi messa da parte, di scegliere il porto etneo come una delle destinazioni della cocaina, in un'altra conversazione, emerge come lo stesso Pititto si sia recato a Catania, nel dicembre del 2015, per valutare la fattibilità del progetto. Ma alla fine le mete scelte saranno Napoli e Gioia Tauro, dove il carico non arriverà mai, perché sequestrato in Colombia dalle forze dell'ordine.

C'è infine un ultimo episodio che si svolge a Catania. Seguendo i canali di vendita della droga della cosca Pititto, gli investigatori giungono anche ad altri soggetti, del Crotonese e di Gioia Tauro. Tra questi ultimi c'è Giuseppe Careri, beccato con otto chili di cocaina il 5 luglio del 2016 dalla squadra mobile di Catania, e arrestato al culmine di un inseguimento notturno sulla strada provinciale per Misterbianco, che ha portato anche al ferimento di tre poliziotti.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews