Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Adrano, incendiato il furgone di un bracciante
Liquido infiammabile su tettuccio e parabrezza

Al vaglio degli investigatori ci sono diverse ipotesi. Tra le quali anche quella che si sia trattato di un atto intimidatorio legato all'attività professionale del 35enne, lavoratore agricolo, a cui è stato bruciato il Fiat Ducato in via Corrado Alvaro. Le forze dell'ordine stanno visionando le telecamere di videosorveglianza della zona

Salvatore Caruso

Foto di: Salvatore Caruso

Foto di: Salvatore Caruso

Un altro incendio d'auto di matrice dolosa, ieri sera, nell'hinterland catanese. Stavolta è successo alle 23.30 ad Adrano, in via Corrado Alvaro, in pieno centro cittadino. A prendere fuoco un furgone Fiat Ducato di proprietà di un bracciante agricolo di 35 anni. A dare l'allarme lo stesso proprietario del mezzo che, svegliato dai rumori provenienti dalla strada, ha allertato la centrale operativa dei vigili del fuoco. In attesa dell'arrivo dei pompieri, l'uomo - con l'aiuto di alcuni familiari, ha provato a spegnere le fiamme che stavano interessando la fiancata sinistra del mezzo.

Il rogo ha anche danneggiato una Alfa Romeo 159, immediatamente spostata dal proprietario prima che potesse subire danni rilevanti. L'arrivo dei vigili del fuoco adraniti ha permesso di mettere al sicuro il furgone e di spegnere completamente le fiamme. I vigili hanno allertato anche le forze dell'ordine. Sul posto sono arrivati i carabinieri del nucleo radiomobile della compagnia di Paternò. Il sopralluogo della zona effettuato dai pompieri e dai militari dell'Arma ha permesso di appurare, con quasi assoluta certezza, che l'incendio sia stato appiccato

Sul parabrezza e sul tettuccio del veicolo, infatti, è stato ritrovato del liquido infiammabile non ancora bruciato. Gli investigatori mantengono il massimo riserbo sulla questione e questa mattina hanno ascoltato il proprietario del furgone. Al vaglio degli inquirenti ci sono diverse ipotesi: dall'atto intimidatorio legato all'attività lavorativa del 35enne, passando per una vendetta personale. Non è escluso neanche che si sia trattato di un messaggio indirizzato a qualche familiare dell'uomo. Le immagini di videosorveglianza della zona potrebbero aiutare a chiarire la vicenda. 

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×