Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Mafia, l'inchiesta Orfeo e i segreti della talpa in procura
«Rapporti ambigui e confidenziali con una cancelliera»

L'ombra della famiglia Santapaola-Ercolano si è spinta fin dentro agli uffici del tribunale di Catania. Quando una dipendente del ministero della Giustizia, che avrebbe avuto una relazione sentimentale con un piccolo commerciante, avrebbe fatto arrivare informazioni top secret al presunto boss Giovanni Comis

Dario De Luca

L'ombra della famiglia mafiosa Santapaola-Ercolano si è spinta fin dentro agli uffici della procura di Catania di piazza Giovanni Verga. Un particolare che emerge dalle carte dell'inchiesta antimafia Orfeo della scorsa settimana, quando i carabinieri hanno tentato di portare a termine un blitz nel quartiere popolare di Picanello, considerato una delle storiche roccaforti dei successori del capomafia Nitto Santapaola. In sei, tra cui il presunto capo e obiettivo numero uno Giovanni Comis, però non si sono fatti trovare all'appello dei militari scegliendo di consegnarsi spontaneamente alle forze dell'ordine soltanto qualche giorno dopo. Il nome di quest'ultimo, ritenuto il successore nel quartiere di Lorenzo Pavone, è legato al ruolo che avrebbe assunto una dipendente del tribunale di Catania, cancelliera infedele con compiti di ausilio a un lavoro di un magistrato, che adesso è finita tra gli indagati. La donna, in servizio negli uffici giudiziari di piazza Verga, avrebbe rivelato informazioni top secret dopo averle reperite all'interno del sistema informatico della procura etnea. Spifferi che, stando alle indagini, nel 2013 hanno consentito a due uomini del clan, Giovanni Nuccio Costantino e Santo Orazio Laudani, di evitare di essere presi durante un blitz di polizia e carabinieri proprio contro la cosca dei Laudani.

Con lui ho avuto una relazione durata un paio di mesi

Per risalire al presunto ruolo della talpa gli investigatori hanno ascoltato decine di telefonate provenienti dal cellulare di un piccolo commerciante con una bancarella nello storico mercato di piazza Carlo Alberto. Sarebbe stato lui «a mantenere confidenziali e ambigui rapporti» con la dipendente del ministero della Giustizia. Proprio su richiesta dell'uomo l'indagata avrebbe consultato, senza autorizzazione, il registro generale dove vengono inseriti nomi e cognomi delle persone indagate dalla procura. Indagini delicate che dovrebbero rimanere coperte dal segreto istruttorio. Dagli uffici giudiziari non sarebbero però mancati gli spifferi con informazioni riservate, sia sull'inchiesta del 2013, ma anche sull'indagine Orfeo che coinvolge il presunto reggente Giovanni Comis. Il colpo di scena in questa storia arriva all'inizio del 2014 quando la donna viene trasferita dal suo ufficio e si rende conto che il motivo potrebbe essere collegato alle notizie rivelate. Decide quindi di presentarsi nella stanza di Vincenzo Serpotta, magistrato oggi andato in pensione, per assumersi le sue responsabilità e confessare tutto.

«Sapendo di avere fatto alcuni accessi senza autorizzazione e temendo che qualcuno lo potesse scoprire ho controllato il registro - si giustifica la donna -, leggendo il mio nominativo». Durante il colloquio con il magistrato vengono ammesse anche altre consultazioni con relative diffusione di notizie: «Voleva sapere se erano soggetti con problemi con la giustizia e dopo che ho controllato gli ho fornito solo il nominativo richiesto. Ma sono stata evasiva perché si trattava di un procedimento della Direzione distrettuale antimafia. Ricordo che poi la misura è stata eseguita nei confronti del gruppo della stazione». La cancelliera spiega anche i dettagli del suo rapporto con l'uomo che chiedeva continui controlli nei terminali della procura. «Ho avuto una relazione sentimentale durata un paio di mesi, poi è continuata l'amicizia e ricordo che un paio di anni fa gli ho prestato dei soldi che non mi ha mai restituito». In questa storia, leggendo tra le righe dell'ordinanza, emergono anche le presunte minacce di morte da parte di Comis all'amico della cancelliera, l'uomo che faceva da tramite per le informazioni riservate ma che a un certo punto non sarebbe più riuscito a ottenerle. 

Prima di consegnarsi alle forze dell'ordine, Comis sarebbe stato «uno degli uomini di maggiore spessore criminale in libertà». Arrivata la scarcerazione, dopo aver trascorso 13 anni dietro le sbarre con una condanna passata in giudicato sulle spalle, avrebbe riassunto il ruolo di capo dei Santapaola nel quartiere di Picanello. Ad accusarlo ci sono numerosi collaboratori di giustizia tra cui Davide Seminara: «Si occupava di qualsiasi affare illecito che riguardasse il suo gruppo e dava disposizioni anche in merito al traffico di stupefacenti». 

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×