Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

"Libertà di stampa", la parola ai protagonisti

Andrea Rivera, Gianni Minà, Claudio Fava e Furio Colombo sono solo alcuni dei volti noti presenti alla manifestazione per la difesa dell'informazione del 3 ottobre. Step1 li ha intervistati

Sotto il palco della manifestazione del 3 ottobre indetta dalla Fnsi in difesa della libertà di stampa, insieme alla gente comune erano presenti anche tanti volti noti della politica, del giornalismo, dello spettacolo.

Personaggi del calibro di Andrea Rivera, Paolo Gentiloni, Gianni Minà, David Sassoli, Iain Macinnes di BBC Scotland, Alessandra Longo, Maurizio Mannoni, Furio Colombo e Claudio Fava hanno espresso le loro opinioni al microfono di Step1.

Secondo il giornalista Gianni Minà "siamo un paese vulnerabile. Oggi in piazza c'è l'Italia che credeva di aver conquistato la democrazia e che invece negli ultimi anni l'ha vista crollare. Siamo il Paese europeo più vulnerabile, che sta perdendo molte delle sue conquiste e molta della sua libertà. Dire che una manifestazione come questa non serve significa cercare di demolire l'ultima speranza di democrazia".

"Sul palco canterò una canzone su La Russa" dice l'attore, cantante e comico Andrea Rivera. "La prima strofa fa così: (alza il pugno). Partito Demo...che? Dario Frances..chi? Io sono rimasto a Berlinguer".

Paolo Gentiloni, responsabile Comunicazione del Pd, crede che "fare il giornalista in Italia sta diventando sempre più difficile, perciò se chi decide di fare questo mestiere con la schiena dritta sente di avere il sostegno di buona parte dell'opinione pubblica si sente più forte. La risposta della piazza oggi mi sembra importantissima".

La giornalista di Repubblica Alessandra Longo consiglia alla nuove leve del giornalismo di non arrendersi. "Il Tg1 oggi non ha neanche accennato a questa manifestazione. Chi non parla di deriva dell'informazione italiana fa un'analisi disonesta della situazione. E' dovere dei giornalisti lavorare senza lasciarsi intimidire dalle pressioni del potere. Per le nuove leve l'imperativo è resistere!".

Iain Macinnes, inviato di BBC Scotland, si interroga sulle preferenze politiche degli italiani. "Siamo qui perché la libertà di informazione è importante per tutte le democrazie, dovevamo venire a vedere come sarebbe andata oggi. Dal di fuori dei confini del vostro Paese, non capiamo perchè Berlusconi piaccia tanto agli italiani".

Secondo il giornalista del TG3 Maurizio Mannoni "è evidente che il problema dell'informazione in Italia esiste e questa piazza è una bella risposta. Ma è solo una delle risposte possibili, ce ne vogliono anche altre. Siamo qui oggi come cittadini, prima ancora che come giornalisti".

David Sassoli, giornalista ed eurodeputato del Pd, crede invece che il Paese non lasci i giornalisti da soli. Secondo lui "oggi in piazza c'è un'Italia che non vuole far sentire da soli i giornalisti. Dobbiamo far crescere una coscienza civile nel paese, la politica serve a questo".

Netta la posizione di Furio Colombo, giornalista, scrittore e politico: "Si sta cercando di spaccare il Paese, indicando una parte degli italiani come anti-italiani e separando il nord dal sud. A questo si aggiunge la soppressione delle notizie. Manifestazioni come questa non sono mai inutili, il rapporto coi cittadini non è mai inutile in democrazia. Il comportamento del Partito Democratico? Incomprensibile".

Infine, secondo il giornalista e politico siciliano Claudio Fava "in piazza c'è un'Italia affezionata alla propria libertà e orfana di buon giornalismo. Manifestazioni come quella di oggi servono a fare le domande giuste, ma la risposta deve venire dall istituzioni, dagli stessi giornalisti italiani che non sono abitanti di un altro pianeta".

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews