Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Bronte, automobile in divieto blocca ambulanza
Ritardi per una paziente con problemi respiratori

Il fatto è avvenuto domenica scorsa quando erano da poco passate le tre di notte. Nei pressi di via San Vito, da dove una signora aveva chiamato il 118 per chiedere soccorso. Non è la prima volta che accadono eventi simili nel Comune etneo, che deve fare i conti anche con la sosta selvaggia al pronto soccorso

Redazione

Ancora una volta ambulanze bloccate a Bronte. La causa? Sempre gli automobilisti che parcheggiano le auto in strade strette senza rispettare il codice. L'ultimo caso è accaduto domenica notte in via San Vito, intorno alle 3, quando una signora residente vicino la chiesa ha chiesto l’intervento del 118 per dei problemi respiratori. La centrale di Catania ha inviato sul posto l’ambulanza di Maletto, con quella di Bronte momentaneamente occupata. Il mezzo si è recato in zona con celerità ma, giunto nei pressi della chiesa di San Vito, è rimasto bloccato a causa di una macchina che non ne ha permesso il passaggio. A nulla è valso il suono della sirena e il mezzo è rimasto bloccato mentre i soccorritori sono stati costretti a raggiungere l'abitazione a piedi.

Dopo un primo controllo i sanitari hanno appurato che la signora doveva essere trasferita in ospedale con urgenza. La paziente tuttavia ha dovuto attendere l'arrivo dell'ambulanza che ha proseguito seguendo un'altra strada. Tempo prezioso che in casi più gravi avrebbero potuto segnare la differenza tra la vita e la morte

Da tempo a Bronte sono in aumento questo tipo di problemi per gli operatori del 118, con diversi casi riportati dalle cronache. Nonostante il silenzio degli operatori sulla questione gli interventi notturni in via Garibaldi, in via Santi e nella parte a monte di corso Umberto, comprese alcune viuzze del centro storico, spesso si trasformano in un calvario. Nello stesso spazio adiacente l’ingresso del pronto soccorso spesso le vetture in sosta selvaggia impediscono il normale lavoro delle ambulanze. Situazioni che sono sotto gli occhi di tutti ma che spesso restano impunite. Il tutto a discapito di un servizio spesso criticato, ma tante volte utile a salvare vite umane.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×