Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

«L'Ateneo chieda i danni a Rossitto»

Secondo il Consiglio di Presidenza di Scienze Politiche l'Università di Catania deve chiedere un risarcimento al professore Elio Rossitto, indagato per tentata concussione e tentativo di reati sessuali- Il professore va al motel - Quel professore «un po' cretino, un po' maschilista»

Gianluca Nicotra

L'Università di Catania dovrà chiedere i danni al professor Elio Rossitto, indagato per tentata concussione e tentativo di reati sessuali. È la richiesta che emerge dal Consiglio di Presidenza della facoltà di Scienze Politiche, riunitosi lo scorso giovedì. «Abbiamo segnalato, per una ragione di sensibilità del Consiglio di Presidenza, la necessità di chiedere il risarcimento dei danni in tutte le sedi, penali e civili; ed eventualmente di fare un'autonoma azione civile» ci ha dichiarato, al termine della seduta, l'ex preside, professor Giuseppe Vecchio. «La Facoltà, infatti, ne ha tratto un danno non secondario. E poi non ci resta che far funzionare gli Organi di garanzia che ci sono».

La deliberazioni del consiglio di Presidenza, che dovranno essere sottoposte a ratifica nella riunione successiva del Consiglio di Facoltà, hanno riguardato anche altre questioni. Tra di esse, come ci ha precisato ancora Vecchio, la necessità di provvedere alla «sostituzione del professore Rossitto, sia a lezione, per gli esami previsti a fine novembre, sia per le tesi». Rossitto si è dimesso dal suo incarico di docente straordinario poche ore prima che andasse in onda il servizio delle Iene che lo accusa. Il professore era stato filmato in una camera di motel dove aveva proposto a una studentessa rapporti sessuali in cambio di un voto e di un aiuto nella carriera universitaria. A seguito delle dimissioni del docente, era stato superato l'ordine del giorno del Senato Accademico, che prevedeva la trattazione del caso Rossitto e faceva prevedere una sospensione dall'incarico in attesa dell'accertamento dei fatti.

L'ipotesi di chiedere i danni in sede penale prospettata dalla Facoltà di Scienze Politiche potrebbe concretizzarsi con la costituzione di parte civile. Ma bisognerà per questo attendere l'eventuale richiesta di rinvio a giudizio da parte della Procura di Catania, che in questi giorni sta raccogliendo le testimonianze delle studentesse che hanno sostenuto esami con Rossitto. Inoltre, come dichiarato dal professore Vecchio, l'Università potrebbe proporre una autonoma azione di risarcimento. E questo anche a prescindere dallo sviluppo delle indagini penali.

Abbonati a MeridioNews per continuare a leggere l'articolo

È gratis per i primi 30 giorni

Un piccolo sostegno a fronte di un grande lavoro: per leggere il giornale dal tuo smartphone, dopo 3 contenuti gratuiti ogni mese, ti chiediamo un contributo. In cambio non vedrai pubblicità invasiva e potrai scoprire tutti i nostri approfondimenti esclusivi.

Scopri di più

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×