Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

S.G. La Punta, furto con spaccata in negozio
La titolare: «È il decimo nel giro di due anni»

I ladri hanno agito nella notte tra mercoledì e giovedì, noncuranti delle telecamere di sicurezza del punto vendita di capi e accessori griffati. La proprietaria, Ermelinda Pisanò, non è ancora in grado di fornire stime sul valore della merce portata via dai malviventi. Ancora in corso le indagini dei carabinieri della locale tenenza

Chiara Chines

Ancora una volta il negozio Mickey Store di San Giovanni La Punta diventa lo scenario di un furto con spaccata, stavolta avvenuto nella notte tra mercoledì e giovedì: sono circa le quattro del mattino quando una vettura, probabilmente un fuoristrada, sfonda una delle vetrine del negozio in piazza Don Bosco del Comune etneo. I ladri, entrando, fanno razzia di tutto ciò che trovano, borse e calzature firmate. «L'allarme ha suonato, ma nessuno ha sentito niente», dichiara Ermelinda Pisanò, proprietaria del negozio Mickey Store. «Sono stata avvisata da una pattuglia dei carabinieri di Gravina che, passando lungo la strada, si è accorta della vetrina spaccata perché, nonostante il negozio si trovi in un condominio e sia circondato da numerose abitazioni, i vicini hanno dichiarato anche stavolta di non essersi accorti di nulla». Sul caso indagano i carabinieri della stazione di San Giovanni Punta.

Non è stato ancora possibile quantificare il bottino. «Mi sono premurata a fare la denuncia e a riparare la vetrina, dando modo ai carabinieri di fare tutti i rilievi necessari e quanto prima farò un inventario accurato», continua la negoziante. Stando alle marche costose degli articoli esposti nel negozio, il valore della refurtiva sembrerebbe consistente, e superiore rispetto alle altre volte, considerando che il Mickey Store non è estraneo a vicende di questo tipo. Si tratta, infatti, come conferma la proprietaria, del decimo furto in soli due anni, l'ultimo dei quali risalente allo scorso ottobre, che ha provocato un danno strutturale notevole, oltre al valore della refurtiva, in quanto a essere sfondata è stata una vetrina sulla quale insisteva una parete in cartongesso. 

«Non penso si tratti di un attacco personale», dichiara ancora la signora Pisanò. «Viviamo un momento in cui molti altri negozianti come me, che trattano merce di valore, subiscono furti come questi», continua, precisando che si tratta di un mercato, quello della ricettazione di articoli di marche costose, che farebbe sempre più gola ai malavitosi. «Manca una tutela che venga dall'alto, mi sono ritrovata in piena notte totalmente da sola a dover fare i conti con quel disastro - sottolinea - Le mie accuse non si rivolgono a chi onestamente svolge il proprio lavoro, come ai Carabinieri che sono intervenuti, ma al sistema, che è totalmente sbagliato e non tutela come dovrebbe la categoria cui appartengo». Nulla insomma sembra fermare i criminali che da anni operano con le stesse modalità, nemmeno la presenza di telecamere di sicurezza, poste in maniera visibile sia all'interno che all'esterno del negozio.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×