Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Nesima, autista bus colpito alla testa da una bottiglia
«Ha un grosso ematoma, è finito al pronto soccorso»

Un nuovo caso di aggressione al personale Amt riporta l'attenzione sul problema della sicurezza sui mezzi di linea. Dopo essere stato ferito al capo, il conducente è stato portato in ospedale dove gli è stato diagnosticato qualche giorno di prognosi. «Vogliamo la polizia sugli autobus», spiega un sindacalista 

Mattia S. Gangi

Foto di: Luisa Santangelo

Foto di: Luisa Santangelo

Era sul suo autobus nella linea 932 - che da piazza della Repubblica passa per viale Mario RapisardiNesima, Monte Po - quando verso corso Indipendenza, all'altezza del supermercato Lidl, l'autista è stato raggiunto da una bottiglia di vetro alla testa. Un colpo secco che gli ha provocato un lieve trauma e il ricovero in ospedale ma che, fortunatamente, non ha messo a repentaglio la vita delle persone a bordo del mezzo. «Mi hanno raccontato che l'impatto ha fatto perdere i sensi al conducente - racconta a MeridioNews l'ex presidente di Amt Puccio La Rosa - Questo purtroppo è solo l'ultimo dei troppi episodi di violenza che accadono sulle tratte urbane, ed è evidente che c'è un problema. Anche se non ho più ruoli dirigenziali all'interno dell'azienda sono vicino con il cuore al personale viaggiante e a tutti i cittadini che prendono i mezzi e auspico che ci sia un intervento forte da parte della autorità preposte». 

A spiegare meglio i dettagli della vicenda è Giuseppe Cottone, segretario provinciale del sindacato Fast-Confsal, che parla di «allarme sicurezza» nelle linee che passano dai quartieri periferici di Catania. «L'oggetto ha provocato un trauma e un enorme ematoma al nostro collega, che è finito al Pronto soccorso, dove gli hanno fatto una Tac e dato una prognosi di qualche giorno - spiega il sindacalista - Siamo purtroppo in balia di quattro sciacalli che girano sui mezzi e non fanno altro che inveire contro coloro che, invece, sono lì per guadagnarsi da vivere». Il rappresentante chiarisce inoltre che, proprio per le continue aggressioni, Amt avrebbe deciso di sopprimere le corse serali della linea 726 che va a San Giovanni Galermo. «In quella zona sono state bloccate le corse dalle 21.30 in poi, soprattutto per quello che accade ogni fine settimana - aggiunge Cottone - ma il problema non è solo lì. Ci sono molte linee calde, che l'amministrazione e l'azienda devono controllare con attenzione». Anche per questo motivo, la sigla indipendente ha proclamato uno sciopero per giorno 7 aprile, al fine di sensibilizzare le istituzioni. «Gli autisti hanno paura ad andare a lavorare, non si sentono tutelati da nessuno - conclude - Chiediamo soluzioni, come per esempio la presenza di personale di polizia fisso, altrimenti qualche giorno temo si passerà un brutto quarto d'ora». 

Da parte della dirigenza, invece, il presidente Carlo Lungaro esprime solidarietà al lavoratore ferito e si mette a disposizione per eventuali azioni di tipo legale. «Tutta l'azienda ha da subito manifestato la massima vicinanza al dipendente coinvolto in questo bruttissimo caso - dichiara Lungaro a MeridioNews - Metteremo a disposizione i nostri avvocati qualora si volesse agire in sede processuale». Proprio per questi fatti, aggiunge il presidente, «abbiamo sospeso le corse notturne in alcune zone e abbiamo avvertito le autorità. Tuttavia, da soli, noi non siamo in condizioni di difenderci, non possiamo fare molto». Anche secondo Lungaro, una soluzione plausibile, potrebbe essere quella di assegnare agenti delle forze dell'ordine in alcuni percorsi più a rischio. «Ogni tanto bisognerebbe fare delle imboscate in borghese o in divisa - conclude il dirigente - sarebbe un segnale, per fare che capire che sull'autobus c'è la presenza dello Stato». 

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×