Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Adrano, sul territorio oltre duemila chili di amianto
Due giorni per bonificare dall'eternit abbandonato

Un'operazione che ha coinvolto le zone di Conca Manganelli (in piena valle del fiume Simeto) e le contrade Forte, Fogliuta e Dagala-Parlata. Luoghi da cui gli addetti specializzati hanno rimosso onduline e vasche per la raccolta dell'acqua, indebitamente lasciate in discariche a cielo aperto

Salvatore Caruso

Foto di: Salvatore Caruso

Foto di: Salvatore Caruso

Una vasta operazione di bonifica del territorio è stata disposta dal primo cittadino di Adrano Pippo Ferrante, finalizzata a rimuovere tonnellate di eternit lasciato da cittadini sconsiderati nelle zone periferiche della città. L’attenzione dell’ufficio comunale all’Ambiente, che ha agito in stretta collaborazione con una ditta specializzata nella raccolta e nello smaltimento di questo particolare tipo di rifiuti, ha interessato prevalentemente quattro aree del territorio di Adrano: Conca Manganelli, in piena valle del Simeto, e le contrade Forte, Fogliuta e Dagala-Parlata. L’operazione di bonifica è durata due giorni, durante i quali sono stati raccolti circa duemila chilogrammi di materiale d’amianto

In questi siti non autorizzati sono stati rinvenuti onduline e vasche per la raccolta di acqua, abbandonate con tutti i rischi che ne derivano per la salute e l’ambiente. Smaltire eternit per un privato ha costi eccessivi e in molti preferiscono gettarlo all'aria aperta, illegalmente. Da qui l’intervento del Comune per la messa in sicurezza delle aree. Gli addetti alla bonifica hanno raccolto e incapsulato il materiale e trasportato in un centro stoccaggio provvisorio del Catanese, in attesa del successivo invio in una piattaforma del Nord Italia per lo smaltimento definitivo

«Siamo intervenuti dopo precise segnalazioni e accurati sopralluoghi – dice a MeridioNews il sindaco adranita Pippo Ferrante - Tutti i siti non autorizzati sono stati debitamente bonificati». Un'operazione che ha avuto un costo non indifferente per l'amministrazione comunale, «soldi che avremmo potuto usare per altri servizi alla comunità». Difficile identificare gli autori dello scempio, ma Ferrante specifica che «l’abbandono di amianto nel territorio è un reato sanzionato con una ammenda fino a 30mila euro e una denuncia penale».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×