Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Rete ospedaliera, novità al presidio di Bronte
«Una mazzata perdere Urologia e Ortopedia»

Il provvedimento che regola la vita delle strutture sanitarie in tutta la Sicilia ha imposto alcuni cambiamenti anche nell'ospedale del Comune etneo. Chiudono alcuni reparti ma i posti letto di altre specialità aumentano. Malcontento dal comitato cittadino ma il direttore dell'Asp 3 si dice soddisfatto

Luigi Saitta

I cambiamenti previsti dall'approvazione della rete ospedaliera regionale colpiscono anche i presidi minori, come quello di Bronte dove, il provvedimento era atteso con trepidazione a causa del possibile declassamento dell’ospedale. Nel disegno, approvato ieri in sede ministeriale, sono previsti ora 82 posti letto, di cui 44 di lungodegenza (32 al momento si trovano nell'ex struttura sanitaria di Randazzo). Di questi, otto sono per la Chirurgia, due in più degli attuali sei, 12 posti in Medicina contro gli attuali 17, due in Neonatologia che, invece, prima non ne aveva. Mantiene gli attuali otto posti la Ginecologia e Ostetricia, sei la Pediatria e quattro la Psichiatria

Scompare l’Ortopedia che ha attualmente otto posti, così come l’Urologia, ultimamente ferma anche come ambulatorio, mentre le unità di Radiologia e Analisi di laboratorio da complesse diventano semplici. Così come la Chirurgia. «Non siamo contenti della nuova distribuzione dei posti letto nel nostro ospedale - afferma Biagio Venia del comitato cittadino a difesa dell’ospedale - da tempo avevamo lanciato l’allarme, ma nessuno ci ha ascoltato. Perdere Urologia ed Ortopedia, è una mazzata per il territorio». «Molti anziani che vengono dirottati ad Acireale - continua Venia - non vanno a farsi visitare per l'impossibilità di raggiungere i locali con i mezzi pubblici».

Un cambio di rotta tendenziale che lascia Bronte come presidio di zona disagiata, ma privo di servizi che in zona non offre nessun altro ospedale, primo fra tutti l’Urologia. «Noi abbiamo fatto di tutto per lasciare l'ospedale operativo e non chiudere nessuna struttura - ha dichiarato in un convegno nella città del pistacchio Giuseppe Giammanco, direttore generale dell’Asp 3 - Ma oggi si deve ragionare in termini di territorialità, non di zona». Appare infine un probabile controsenso il mantenimento dell'ambulatorio di Urologia, una volta reparto, che da novembre è sostanzialmente fermo per mancanza di personale sanitario. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×