Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Aeroporto, un nuovo terreno per allungare la pista
Pistorio: «Entro 2019 ci sarà la fermata del treno»

La società aeroportuale catanese rileva in concessione nove ettari e immobili per 55mila metri cubi. Uno step verso l'allungamento del tracciato e l'arrivo di una stazione di Rfi a 700 metri dallo scalo. L'assessore regionale alle Infrastrutture spiega a MeridioNews la tempistica di quest'ultima opera. Soddisfatto l'ad Nico Torrisi 

Marco Militello

Foto di: Sac

Foto di: Sac

Un lotto di terreno che misura nove ettari, su cui sorgono una caserma, magazzini e locali tecnici per circa 55mila metri cubi. Sono i beni acquisiti oggi dalla Sac in concessione quarantennale. Ultimo passaggio di una slavina di trasferimenti che parte dal ministero della Difesa, passa dall'Agenzia del demanio e dall'Enac fino a giungere, per l'appunto, alla società che gestisce l'aeroporto di Catania. Gli immobili costituivano il comando etneo dell'Aeronautica militare, oggi trasferito a Sigonella. Un'operazione che, almeno in prospettiva, verrà utilizzata per l'espansione dell'aerostazione in due direzioni: l'allungamento della pista e il collegamento ferroviario con il centro della città. Il terreno è infatti costeggiato da binari di Rete ferroviaria italiana, società per azioni controllata da Ferrovie dello Stato, che lambiscono l'area aeroportuale. 

Sulla fermata della ferrovia esiste già un cronoprogramma. Lo spiega a MeridioNews l'assessore regionale alle Infrastrutture Giovanni Pistorio: «Il mio assessorato - dichiara - ha già programmato la sua quota di finanziamento. La fermata costa cinque milioni di euro, la stazione completa invece 15 milioni. Rfi - conclude Pistorio - ci garantisce di concludere i lavori per la fermata in due anni, dunque entro il 2019». La struttura dovrebbe sorgere a 700 metri dall'aeroporto. Il piano prevede un sistema di bus navetta che conduca i passeggeri fino allo scalo. 

L'opera è però subordinata all'interramento dei binari, per non interferire con il progetto di allungamento della pista. Risulta invece meno chiara la tempistica per la costruzione della stazione, che dovrebbe chiamarsi Santa Maria Goretti. Rete ferroviaria ha assunto l'impegno di finanziare la realizzazione della fermata entro due anni a seguito di un tavolo con Sac, Comune, Enac, Trenitalia ed Fce, oltre allo stesso Pistorio, svoltosi alla fine del luglio 2016 a Palermo, in assessorato. 

Un piano infrastrutturale da non confondere con la previsione della costruzione di una fermata della metropolitana nelle vicinanze dell'aeroporto, i cui lavori dovrebbero essere banditi la prossima estate e dovrebbero concludersi nel 2023. Il trasferimento di beni è stato reso noto nella mattina di oggi da un comunicato della Sac, al termine dell'incontro nel corso del quale sono state apposte sull'accordo le firme delle istituzioni coinvolte. Per il ministero della Difesa è intervenuto il generale di brigata Giancarlo Gambardella. «Un processo di espansione sul territorio - ha detto in quella sede l'ad di Sac Nico Torrisi - previsto già nel master plan e che, nel gennaio scorso, ha visto la cessione alla società aeroportuale del terreno di 4,5 ettari da parte del Comune di Catania. Con quest'ultima acquisizione si perfeziona il piano di investimenti di Sac nel medio periodo». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×