Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Al 'centro' dei problemi

Un video girato a luglio. Da allora poco è cambiato. Il nostro viaggio nelle residenze universitarie catanesi fa tappa all’ “Oberdan”. Non ci sono solo i gravi problemi strutturali nel seminterrato della zona mensa (chiusa per lavori), ma anche alcuni nelle stanze-Quando la poltrona è vuota

Umidità, carenze strutturali, necessità di ripulire le pareti dal tempo e dall'incuria. Questi i problemi più importanti della residenza universitaria “Centro”, meglio nota come Oberdan.

L'immobile costruito negli anni ‘70 in via Guglielmo Oberdan da allora non ha goduto di molti interventi di ristrutturazione e manutenzione. Al piano terra ci sono una sala studio e una con i computer, non troppo grandi, ma provviste di collegamento ad internet. Sempre qui si trovano un salone per concerti e il teatro "Musejon", utilizzato soprattutto dal coro dell'Ersu. Nei quattro piani dell'edificio si contano, poi, centodue camere, sedici singole e ottantasei doppie, per un totale di 188 posti letto, anche se in realtà ci sarebbe anche un'altra sezione, attualmente non utilizzata perché non a norma, che potrebbe aumentare il totale dei posti di altri 60.



Nel mese di luglio le camere 'venti', disposte nei quattro piani del lato ovest rispetto all'ingresso della struttura, sono state chiuse per problemi di inagibilità. Così circa trenta ragazzi non hanno potuto usufruire delle camere a loro assegnate all'interno della residenza. Si fece di necessità virtù, ci spiega Domenico Conti, vice-responsabile della gestione della struttura di via Oberdan. «Alcuni di loro si conoscono già da molto tempo e se qualcuno mancava per qualche giorno o per un periodo un po' più lungo dava volentieri la sua stanza a chi in quel momento non ne aveva una». Le stanze 'venti', comunque, sono state riconsegnate dopo circa una settimana di chiusura.

«Si è trattato di un intervento precauzionale per cui non è servito montare un'impalcatura – così l'ingegnere Francesco Sciuto, capo dell'ufficio tecnico dell'Ersu – Le stanze erano tutte agibili all'interno, l'unico pericolo era rappresentato dai cornicioni dei balconi, per cui gli intonaci sono stati picconati per evitare eventuali cadute di calcinacci, ed è stata posta una rete verde a protezione degli stessi».

Ed è proprio così che si presentano ancora adesso quei balconi, con la rete verde e i ferri della struttura visibili e non saranno rimessi in sesto in breve tempo, perché secondo i tecnici dell'Ersu di Catania, non rappresentano una priorità. Verranno sistemati definitivamente quando verrà ristrutturata la facciata della residenza, la cui tempistica e programmazione, però, è praticamente sconosciuta per mancanza di denaro. «Ciò che in questo momento è prioritario è il seminterrato della mensa della residenza per la cui ristrutturazione sono stati stanziati centomila euro» precisa Sciuto.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews