Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Inps, sopralluogo dirigenti a Paternò e Adrano
I sindaci mostrano uffici messi a disposizione

La riorganizzazione degli uffici e la paventata chiusura della sede paternese hanno portato il direttore provinciale Gaetano Minutoli nei due Comuni catanesi per vedere i locali proposti all'istituto dalle amministrazioni. Soddisfatti Pippo Ferrante e Mauro Mangano che parlano di una possibile soluzione già dalla prossima settimana

Salvatore Caruso

Nelle ultime ore i vertici dell'Inps stanno provando a risolvere la vicenda della riorganizzazione degli uffici di Adrano e Paternò. L'altro ieri proprio in questi uffici, i dirigenti dell'istituto di previdenza hanno fatto un sopralluogo per tentare di individuare i locali idonei per continuare il servizio. Ad Adrano, accompagnato dal sindaco Pippo Ferrante, il direttore provinciale Inps Gaetano Minutoli ha osservato accuratamente gli spazi l’amministrazione comunale intende mettere a disposizione, quelli di via 4 novembre che, attualmente, ospitano vari uffici comunali e poi quelli di via Pierluigi Nervi, che una volta ospitavano il tribunale. Entro lunedì, inoltre, il Comune di Adrano consegnerà all’Inps le piantine planimetriche.

«All’Inps abbiamo dato la massima disponibilità mettendo a loro a disposizione due edifici comunali - spiega il primo cittadino adranita a MeridioNews - Vedremo tra le due strutture quale l’istituto di previdenza riterrà quella più soddisfacente alla proprie esigenze». Anche a Paternò il sindaco Mauro Mangano accompagnato dal dirigente Angelo Galea ha mostrato al direttore Minutoli le strutture disponibili. Presenti all'incontro anche alcuni componenti del comitato spontaneo Salviamo l’Inps di Paternò e i candidati sindaci Nino Naso e Salvo La Delfa. Sono stati visitati i locali a piano terra dove dell’edificio di piazza della Regione, nell’ex Tribunale. Qui fino a qualche mese addietro, in alcune stanze, si trovava anche l’ufficio al catasto

Ma non solo. Sono stati visitati anche alcune zone del palazzo municipale, dove ci sono due piani liberi, e il piano terra dell’edificio di piazzale Civiltà del lavoro, molto ampi, nell'ipotesi che le necessità dell’Inps siano quelle di avere superfici spaziose. Nello spirito di una collaborazione massima il primo cittadino Mangano ha, inoltre, dato disponibilità di riorganizzare gli stessi uffici municipali. «L’esito di quest’incontro si avrà fra qualche giorno - ha detto Mangano - dalla direzione dell'istituto valuteranno le varie opzioni, ma non è da escludere che al prossimo incontro in prefettura il direttore Minutoli sia propenso a formalizzare gli accordi con Paternò».

Il primo cittadino si ritiene soddisfatto dell’incontro. «Il meeting è stato chiarificatore. Tanti difetti di comunicazione che ci sono stati tra i due enti sono scomparsi - ha dichiarato - Per questo ringrazio il direttore e i cittadini del comitato presenti. Con a loro presenza - conclude Mangano - hanno manifestato l’interesse della comunità paternese. Un segnale che è valso come elemento di compattezza importante in questo momento».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews