Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Porto, sovranisti rallentano uscita di nave Aquarius
In quattro rischiano denuncia della guardia costiera

L'imbarcazione della tedesca Sos Mediterranee rallentata venerdì sera dalla protesta del movimento Generazione Identitaria, che su Facebook scrive: «Azione contro la grande sostituzione del nostro popolo». L'organizzazione è impegnata nel salvataggio in mare dei migranti che partono dalla Libia

Marco Militello

Foto di: facebook generazione identitaria

Foto di: facebook generazione identitaria

Sono quattro gli attivisti che venerdì sera, a bordo di una piccola imbarcazione regolarmente noleggiata a Catania, hanno cercato di bloccare la nave Aquarius della Ong tedesca Sos Mediterranee, rallentandone l'uscita dal porto. Come confermato dalla guardia costiera, si tratta di un italiano, due austriaci e di una donna canadese. Quest'ultima è la giornalista 21enne Lauren Southern, che ha trasmesso l'azione di protesta in diretta su Periscope. I militanti fanno parte del movimento sovranista italiano Generazione Identitaria e del suo omologo austriaco Identitäre Bewegung Österreich

Aquarius aveva da poco mollato gli ormeggi quando i quattro hanno condotto la barca nei pressi della prua per bloccarne la navigazione, srotolando uno striscione rosso con la scritta No way for human trafficking, in inglese No al traffico di esseri umani. L'azione di protesta è stata interrotta pochi minuti dopo da una motovedetta della guardia costiera etnea. I manifestanti sono stati trattenuti brevemente, identificati e poi rilasciati. La capitaneria di porto stabilirà a breve giro se denunciarli oppure no. «Al momento sono in corso le opportune indagini - spiega a MeridioNews il contrammiraglio Nunzio Martello - stiamo valutando i loro comportamenti». 

«Abbiamo condotto questa azione - si legge sulla pagina Facebook di Generazione Identitaria - per protestare contro la grande sostituzione del nostro popolo ma anche contro le assurde morti in mare che queste Ong causano alimentando l’illusione di un Eldorado inesistente». Il tentato blocco si inquadrerebbe in una più ampia campagna chiamata Defend Europe

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×