Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Caos al Pronto soccorso, al Vittorio arriva il flussista
«Si occuperà di fare i primi esami durante l'attesa»

Dopo le continue aggressioni e il clima di tensione tra pazienti e personale medico, i dirigenti dell'azienda Policlinico e del reparto d'urgenza sperimenteranno una nuova figura per facilitare lo scorrimento dei numeri. E, nella migliore delle ipotesi, calmare gli animi di chi aspetta prima di entrare in ambulatorio

Mattia S. Gangi

Foto di: Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Catania

Foto di: Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Catania

In questi ultimi anni il Pronto soccorso del Vittorio Emanuele di Catania è stato più volte al centro delle cronache cittadine. Principalmente per i casi di continue aggressioni nei confronti del personale sanitario. Infermieri, ma anche medici, colpiti da insulti e violenze fisiche da parte di un'utenza che, spesso, avanza pretese illegittime. In seguito a questi casi, i dirigenti dell'azienda Policlinico e il primario del reparto d'urgenza, Giuseppe Carpinteri, hanno cercato, da un lato, di richiedere maggiori attenzioni da parte delle forze di polizia e, dall'altro, di attuare una serie di migliorie nella gestione del grande numero di codici che, spesso, si riversano all'interno del presidio di via Plebiscito. Tra queste l'istituzione dell'infermiere flussista, una nuova figura che si occuperà di velocizzare i tempi di attesa dei casi più gravi.

Perché sono proprio i tempi che si dilatano prima della visita in ambulatorio a portare alcuni pazienti ad andare in escandescenza. A prescindere dai motivi del disservizio. Per questo motivo, come spiega Carpinteri, tra le misure valutate per risolvere le tensioni tra cittadini e sanitari si è pensato a qualcuno che si occupi di fare eseguire una serie di esami già nella fase di attesa, prima della visita davanti al medico. «Avevamo pensato dapprima di vigilare sulla corretta applicazione di quella norma regionale che applicherebbe il ticket per i codici bianchi, i casi meno gravi - racconta il primario a MeridioNews - ma è dimostrato che questa soluzione non serve a decongestionare i Pronto soccorsi». «Dalla prossima settimana, invece, in via sperimentale nelle ore con maggiore afflusso di persone, attiveremo questo nuovo strumento di assistenza al paziente - continua - in modo da accelerare le analisi diagnostiche e favorire lo scorrimento dei numeri. 

Il servizio, proposto dai lavoratori del primo soccorso ma accolto positivamente dal direttore generale Paolo Cantaro, sarà attivo da lunedì nella fascia oraria dalle 10 alle 18. Accanto a questo, come racconta Elisabetta Lombardo, dirigente medico del Pronto soccorso e sindacalista della sigla Anaao-Assomed, in questi ultimi mesi si starebbe assistendo a una maggiore attenzione da parte della polizia nei confronti del reparto. «Devo dire che dopo i gravissimi episodi di ingressi incontrollati e pestaggi - afferma la dottoressa - la polizia e i carabinieri passano più spesso per controllare e anche i vigilantes sono più attivi nell'intervento in caso di pericolo». Proprio la sicurezza privata, infatti, era stata messa in discussione per il mancato intervento nel pestaggio del medico Rosario Puleo, picchiato da un commando di otto uomini, durante la prima notte dell'anno, per non aver voluto redigere un referto falso

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×