Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Scordia, parla il candidato sindaco Josè D'Amico
«Nel mio programma rifiuti, lavoro ed emergenze»

Il 43enne, capogruppo uscente dem, è tra i pochi candidati sindaco nel Catanese ad avere il sostegno della lista ufficiale del Pd. Ma le spaccature interne non mancano. «La segreteria provinciale segue questa vicenda con attenzione», dice. Il tema più spinoso è la situazione disastrosa delle casse comunali

Luisa Santangelo

Foto di: Pagina Facebook Josè D'Amico

Foto di: Pagina Facebook Josè D'Amico

Jose D'Amico è tra i pochi candidati sindaco del Catanese che potranno contare sul sostegno della lista ufficiale del Partito democratico. Impiegato 43enne, è il capogruppo consiliare uscente dei dem. Nella corsa alla carica di primo cittadino scordiense sarà sostenuto da un'unica lista, per l'appunto quella dei democratici.

Sul piano amministrativo, quali sono i punti più qualificanti del suo programma? 
«In primo luogo la risoluzione delle emergenze. Credo sia questione di serietà partire dalle cose più urgenti. Mi riferisco in particolare alle buche nelle strade, alla questione dei rifiuti, il tema della sicurezza, a gestione delle risorse idriche e - soprattutto - le tematiche connesse con il lavoro». 

La situazione finanziaria del Comune è preoccupante. Come intende intervenire?
«Parliamo di un ente in dissesto, con più di 18 milioni di euro di debiti. Bisognerà fare un'azione forte sia sulle voci in entrata che su quelle in uscita. Ma credo che dovremo anche avere scontri con la Regione e il Governo nazionale, perché questa condizione significa di abbassare fortemente il livello dei servizi erogati ai cittadini. Sono pronto perfino a incatenarmi davanti al Parlamento. Non si può amministrare una comunità con questi debiti».

Scordia è una città da cui i giovani sono costretti ad andare via per trovare lavoro. Cosa può fare il Comune?
«La nostra città subisce la crisi dell'agricoltura. Dovremo avere un atteggiamento collaborativo con le aziende, dovremo mettere nelle migliori condizioni chi vuole investire sul territorio. Ma non trascureremo le opportunità di lavoro insite nel settore turistico-naturalistico.

Cosa intendete fare sul in merito alla raccolta dei rifiuti?
«Scordia fa parte della società Kalat ambiente. La situazione non è buona, il servizio ha creato molte difficoltà. Agli occhi della gente la città appare sporca. Dovremo intraprendere con la società di gestione un 'azione autorevole: l'obiettivo è riprendere in mano la programmazione del servizio, con cronoprogrammi attendibili e monitoraggi accurati. Infine introdurre la tariffazione puntuale sull'indifferenziata, in modo da premiare i cittadini virtuosi».

Il Partito democratico è andato in ordine sparso in molti Comuni. A Scordia la lista con il simbolo c'è, ma non mancano le spaccature interne. 
«Noi abbiamo deciso di correre sotto le insegne del partito perché non abbiamo alcuna ragione per nasconderci, solo per catturare un po' di voto di protesta. Non vogliamo fare i furbi. Chi fugge dalla propria appartenenza politica è inutile alla causa. Mi riferisco a coloro che si identificano nel Pd di Scordia ma hanno scelto altre strade. Sono scelte che non servono alla causa. Il riferimento è alla lista Scordia 2.0, vicina al parlamentare regionale Luca Sammartino, che sostiene il candidato sindaco Leonardi. Io credo che la segreteria provinciale debba seguire con molta attenzione l'esito delle elezioni in città». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews