Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Palagonia al voto, parla il sindaco Valerio Marletta
«Campagna piena di attacchi, non abbiamo paura»

A cinque anni dalla vittoria che lo ha portato a presiedere la giunta del Comune etneo, il giovane primo cittadino spiega il suo programma e analizza i giorni che hanno portato al momento conclusivo della sfida elettorale. «Vogliamo ridare al paese la normalità che merita», spiega a MeridioNews

Mattia S. Gangi

Non è una sfida semplice quella che si concluderà domenica per Valerio Marletta, il sindaco uscente di Palagonia che, nel 2012, ha vinto al ballottaggio contro Francesco Di Stefano, creando una vera e propria frattura nella vita amministrativa del Comune etneo. Comunista, istruito, politico. Questa la descrizione che ne fanno i suoi concittadini. Prima della candidatura, sedeva già come consigliere alla Provincia di Catania con Rifondazione comunista. Caratteristiche comuni anche alla sua squadra, per lo più giovane come il suo capofila. Ma ora, a conclusione di questi cinque anni, la giunta sarà giudicata dai propri concittadini in una corsa a sei che vede, per la prima volta, anche la partecipazione del Movimento cinque stelle

Com'è andata questa campagna elettorale? Soddisfatto o si poteva fare meglio?
«Purtroppo è stata tutta incentrata su attacchi all'amministrazione uscente, dovrei andare in tribunale a denunciare gli altri per tutte le cose che hanno detto contro di me, attacchi personali chiaramente, non incentrati sulla politica o sulle cose fatte in questi anni. Ovviamente non lo farò, non mi interessa, però sarebbe potuta essere sicuramente più costruttiva». 

Quali sono i punti cardine del suo programma? Sarà in continuità con quanto già fatto fino a oggi?
«Noi, da parte nostra, abbiamo spiegato bene ai cittadini quello che abbiamo realizzato, anche perché in molti mi sono accorto che neanche erano a conoscenza dei risultati raggiunti. Per esempio abbiamo in questo momento cinque cantieri aperti, tre per sistemazione di spazi pubblici e due per gli asili. Abbiamo investito tanto nei servizi sociali e chiaramente vogliamo proseguire in questo senso. Un capitolo che abbiamo a cuore è anche la lotta all'evasione che, come si è visto in questi giorni, non è stato affrontato da nessuno degli altri candidati». 

C'è qualcuno che teme in questo momento più di altri?
«No, gli altri non ci fanno paura. Tutti i candidati delle altre liste, anche quello dei Cinque stelle hanno già un passato in politica, nelle precedenti amministrazioni, mentre noi vogliamo puntare anche su nuove forze, come abbiamo già fatto in passato. Forse oggi la sfida è un po' più difficile rispetto alla scorsa tornata elettorale, anche se al tempo la nostra vittoria è stata un'impresa, ma da amministrazione uscente chiaramente abbiamo passato più tempo a schivare i colpi che a parlare di proposte serie». 

Spera in una vittoria sicura?
«Noi vogliamo sicuramente arrivare al ballottaggio, abbiamo due liste a nostro supporto, Palagonia bene comune e Andiamo avanti, entrambe formate da compagni e persone che ci hanno accompagnato fino a questo momento e sulle quali stiamo puntando per dare al nostro paese la serenità che si merita. Dopo le vicende giudiziarie del passato, legate al processo Iblis, la nostra cittadina non ha bisogno di promesse ma di una giunta che metta i conti in ordine, soprattutto in un momento come questo in cui il Comune si trova in una situazione di dissesto. Ma anche di normalità e di rispetto delle regole. Noi, per esempio, puntiamo sui concorsi pubblici per tutti i ruoli all'interno della pubblica amministrazione, abbiamo già operato in tal senso e, se i cittadini ci ridaranno fiducia, non ci fermeremo».   

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews