Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Scordia, l'ex sindaco Salvatore Agnello ci riprova
«Lista di cittadini doc, no forze politiche nascoste»

Il 56enne, che ha guidato il Comune dal 2004 al 2007, tenta una nuova scalata alla poltrona di primo cittadino. Tra i temi centrali del suo programma ci sono la riorganizzazione burocratica e la messa in sicurezza dei conti. Sulla raccolta differenziata dice: «Bisogna premiare i cittadini che si impegnano di più»

Marco Militello

Foto di: salvatoreagnellosindaco.it

Foto di: salvatoreagnellosindaco.it

Salvatore Agnello è già stato sindaco di Scordia tra il 2004 e il 2007. Laureato in Sociologia, sposato e padre di due figlie, il 56enne è un dipendente del Comune di Lentini. La sua corsa alla guida della città è imperniata su una esperienza civica. A sostenerlo è, infatti, la lista Fare bene per Scordia, senza vessilli di partito e, a quel che il candidato spiega a MeridioNews, composta da cittadini senza tessere. 

Quali sono gli elementi principali del suo programma per Scordia?
«Il primo è la riorganizzazione della macchina comunale, un tema che io trovo fondamentale. E poi il controllo della gestione finanziaria, per evitare che l'ente si trovi in un secondo dissesto». 

Il Comune, per l'appunto, ha dichiarato dissesto finanziario il 31 dicembre 2013. Che piano avete in questo delicato settore?
«Ci sono ancora da adottare i bilanci del 2016 e del 2017. Non abbiamo un ragioniere capo, e questo è motivo di preoccupazione. La legge che regola queste situazioni impedisce di fare assunzioni, ma uno degli impegni che ho preso è chiedere alla commissione del ministero degli Interni di avere una deroga, perché non possiamo uscire dal dissesto senza le figure necessarie».

Avete delle idee per trattenere in città i giovani neolaureati che vanno via in cerca di lavoro?
«Diciamo che una quota di mobilità è scritta nel tempo che viviamo, non solo a Scordia, per via dell'ampia varietà degli indirizzi di studio, sempre più specifici. Poi c'è chi non fa esperienza universitaria e va via per trovare lavoro ovunque lo trovi. Però, devo dire, la città si attesta ancora su una popolazione di 17mila abitanti, un dato stabile da molti anni. Quindi non siamo vittime di questa spoliazione più di altre città». 

Che proposte avete per migliorare il sistema di raccolta dei rifiuti?
«Da quasi nove anni abbiamo un sistema di raccolta differenziata porta a porta che ha bisogno di essere messo a punto ulteriormente, nel senso che in assenza di controlli e di politiche di incentivo c'è sempre il rischio di tornare indietro. Entro il limite ragionevole di un mandato, bisognerà introdurre strumenti tecnologici per invogliare il cittadino attraverso una pesatura quotidiana della differenziata. Esistono metodi anche molto economici in questo senso. Il punto è premiare il cittadino che si impegna di più, si può immaginare una riduzione della tariffa o altre ipotesi simili». 

Lei è sostenuto da una lista civica, senza la presenza dei partiti tradizionali. Come mai ha dato questo profilo alla sua candidatura?
«La mia è una lista di cittadini doc, nel senso che non ci sono forze politiche nascoste o paludate camuffate da soggetto civico, come invece succede per altri candidati sindaco, che in qualche modo hanno qualcosa di cui vergognarsi. I miei candidati provengono dal mondo delle professioni o del volontariato. Io dico sempre che alla fine i problemi di Scordia sono solo nostri, perché parlamentari o senatori non si sono mai spesi per risolverli, ci hanno usato come serbatoio di voti. Credo che i partiti debbano fare una seria riflessione su come trattano le realtà locali».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews