Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Giarre, fedele tenta di dare fuoco alla chiesa
Perseguitava il parroco accusandolo di furto

In manette è finito un 43enne che aveva preso di mira il sacerdote della chiesa Maria santissima della Provvidenza, a Macchia di Giarre. L'uomo si era posizionato davanti il portone dell'edificio religioso minacciando di bruciarlo con del liquido infiammabile. A risolvere il caso i carabinieri della compagnia locale

Salvo Caruso

È finito ieri sera l'incubo per il parroco della chiesa Maria santissima della Provvidenza di Macchia di Giarre. Il sacerdote da alcuni giorni era vittima di un 43enne del posto che lo accusava di furto

L'aggressore, da diverso tempo, riteneva che il parroco della zona fosse il responsabile di alcune vicende che lo avevano coinvolto, come il sequestro dello scooter da parte dei carabinieri. Ieri sera l'epilogo della vicenda con l'ultimo episodio estremo. Prendere del liquido infiammabile, posizionarsi davanti la chiesa e, urlando, minacciare di bruciare il portone d'ingresso. 

La tempestiva telefonata al 112 da parte del parroco ha permesso ai carabinieri della compagnia locale di effettuare immediatamente l'arresto a piazza San Vito. Il 43enne, stando a quanto comunicato dalle forze dell'ordine, avrebbe avuto anche una colluttazione con il sacerdote. Dalle testimonianze raccolte dai militari sembrerebbe che nei giorni scorsi anche altri fedeli erano stati minacciati dall’uomo. L’arrestato è stato trasferito nel carcere di piazza Lanza, a Catania.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×